Thursday, November 16, 2017

50 anni fa il primo trapianto di cuore di Barnard



di Mauro Suttora

Oggi, 9 novembre 2017

Durò soltanto 18 giorni il primo cuore trapiantato. Il 3 dicembre 1967 il chirurgo Christian Barnard dell’ospedale Groote Schuur di Città del Capo (Sudafrica) lo impiantò su Louis Washkansky, un droghiere ebreo di 55 anni che aveva combattuto in Italia nella Seconda guerra mondiale. La donatrice era una ragazza di 25 anni, Denise Darvall, morta in un incidente stradale.

Ma Barnard ritentò subito: il 2 gennaio 1968 eseguì un altro trapianto sul dentista Philip Bleiberg, che visse con il cuore nuovo per 19 mesi. Il donatore era un nero, nel Sudafrica dell’apartheid.
La svolta per i trapianti di cuore avvenne nel 1980 con l’avvento della ciclosporina, farmaco antirigetto.

Oggi vengono eseguiti circa 3.500 trapianti di cuore ogni anno nel mondo (2.000 negli Stati Uniti). La vita media dei trapiantati è 15 anni, con un record di 33. È diventato un intervento di routine: perfino in Sri Lanka è stato trapiantato il primo cuore nel luglio di quest’anno.
Il trapiantato più famoso è l’ex vicepresidente degli Usa Dick Cheney: ha un cuore nuovo dal 2004. Il regista Robert Altman è sopravvissuto 10 anni.

Il primo organo umano a essere trapiantato fu il rene, nel 1954. Joseph Murray, che lo realizzò a Boston, fu premiato col Nobel. Il primo trapianto di fegato risale anch’esso al 1967. Fra i trapiantati più noti c’è Steve Jobs, fondatore della Apple, che però è sopravvissuto solo due anni. Il musicista David Crosby invece vive da 23 anni con un fegato nuovo (operazione pagata dal collega Phil Collins).

Anche i trapianti di polmone sono diventati fattibili solo negli anni 80, dopo l’introduzione della ciclosporina.
L’organo meno trapiantato è l’intestino. La prima operazione risale al 1988, la massima sopravvivenza è di 18 anni.

In Italia il primo trapianto di cuore fu fatto il 14 novembre 1985 a Padova da Vincenzo Gallucci, sul 18enne Ilario Lazzari, che visse fino al 1992. Nel 2016 i trapianti di cuore in Italia sono stati 267. I numeri sono stazionari grazie al cuore artificiale e a terapie che rendono meno necessario il trapianto.

I trapianti in totale in Italia sono più di tremila all’anno. In stragrande maggioranza riguardano reni (2.000) e fegato (1.200).

Alessandro Nanni Costa, direttore del Centro nazionale trapianti (nella foto), dice: «Trapiantiamo il 70-75% dei pazienti in lista d’attesa. Per il fegato superiamo l’85%, il polmone è al 65%. Un paziente che entra in lista ha quindi molte probabilità di ricevere il trapianto». Niguarda (Milano) e Pavia sono i centri più attivi fra i 19 che fanno trapianti di cuore.
Mauro Suttora

Thursday, November 09, 2017

Chi ha tradito Anna Frank?



DOPO LO SCANDALO SUL DIARIO PIU' FAMOSO DEL MONDO

Una telefonata alla Gestapo di Amsterdam il 4 agosto 1944 denunciò la famiglia ebrea che da due anni si nascondeva nel retro della propria casa. Chi la fece? I sospettati sono ben sei. E la ricerca continua: l’ultima rivelazione è del 2015

di Mauro Suttora

Oggi, 26 ottobre 2017

Gli ultimi a saperlo sono i disgraziati che l’hanno ancora insultata, mettendole addosso la maglia della Roma e augurando ai romanisti di fare la sua fine.
Ma, a 72 anni dalla sua morte nel campo di concentramento tedesco di Bergen Belsen, c’è ancora un grande mistero che aleggia sulla vicenda di Anna Frank. Che, come tutti sanno, dal luglio 1942 era nascosta in una casa segreta assieme a tutta la sua famiglia, ad Amsterdam.

In Olanda si era infatti scatenata la caccia all’ebreo, e i nazisti ne rastrellarono oltre centomila, sui 130mila che vi abitavano all’inizio della Seconda guerra mondiale.

La famiglia Frank, composta dai genitori Edith e Otto e dalle sorelle Margot e Anna, era scappata da Francoforte, in Germania, già nel 1933. Avevano capito subito la vera natura del regime nazista che si era appena insediato a Berlino. E avevano scelto la tollerante e civile Olanda come luogo di esilio. Anche dopo l’inizio della guerra, nel 1939, nessuno pensava che Adolf Hitler volesse invaderla. Nel 1914 i tedeschi avevano attaccato la Francia passando per il Belgio. L’Olanda sembrava fuori da ogni mira espansionista dei tedeschi.

La «pacifista» Olanda invasa a sorpresa

Invece, nella primavera del 1940 la pacifista Olanda si ritrovò invasa. I nazisti non cominciarono subito ad arrestare gli ebrei. Ma nel 1942 fu presa la decisione della “soluzione finale”, che fu applicata anche ad Amsterdam.
La famiglia Frank si rifugiò in una «casa segreta» dietro alla sede della ditta di Otto, La porta per accedervi era nascosta dietro una libreria.

All’inizio speravano che dopo poche settimane o mesi avrebbero potuto uscire: a metà 1942 i nazisti avevano già cominciato a perdere, e l’entrata in guerra degli Stati Uniti prometteva bene per gli Alleati.

Anna non sopportava la mamma pessimista

Ma con l’andare del tempo, la prigionia si prolungava. E con essa anche le tensioni fra le due famiglie che condividevano gli angusti spazi del nascondiglio.

Il papà di Anna cancellò dal diario,  nella sua prima edizione, i riferimenti ai dissidi anche dentro la famiglia Frank. Anna infatti, come tutti gli adolescenti aveva un carattere ribelle e non sopportava né il pessimismo della madre, né la «stupidità» del suo compagno forzato di stanza, un dentista quarantenne.

Soltanto nel 1986 venne pubblicata la versione completa del diario. Questo permise ai neonazisti e negazionisti, come il francese Robert Faurisson, di mettere addirittura in dubbio l’autenticità del diario.

Ma il vero mistero che ancora resta sulla vicenda di Anna Frank è il nome di chi tradì lei e la sua famiglia. La mattina del 4 agosto 1944, infatti, una donna telefonò alla Gestapo di Amsterdam per denunciarli, indicando il loro indirizzo esatto.

Per decenni si è pensato che il responsabile fosse Willem Van Maaren, che lavorava in un deposito attaccato al nascondiglio, anche se un’inchiesta della polizia non ha mai trovato conferme.

Il socio del padre era un filonazista

Solo nel 1998 i sospetti si sono spostati su Lena Hartog-van-Bladeren (morta nel 1963), che aveva lavorato con i Frank come donna delle pulizie.

Nel 2003, altro colpo di scena: la storica Carol Anne Lee, nel libro La vita segreta di Otto Frank, ha puntato l’indice contro Anton Ahlers, morto tre anni prima a 83 anni, socio d’affari del padre di Anna e convinto sostenitore del nazismo.

La stessa Lee, però, ha poi ipotizzato che la spia fosse Marteen Kuiper, che viveva consegnando ebrei ai tedeschi in cambio di danaro.

Il quinto sospettato emerge nel 2009: un giornalista olandese ipotizzò che la traditrice potesse essere stata un’altra collaborazionista: Ans van Dijk, unica donna fra 39 giustiziati olandesi per reati commessi in tempo di guerra. Fece arrestare ben 145 ebrei, compreso suo fratello.

E arriviamo a due anni fa: salta fuori il nome di Petronella (Nelly) Voskuijl, morta nel 2001. Era la sorella di una fidata collaboratrice di Otto Frank, il quale fino alla propria morte nel 1980 le chiese conto dei suoi tremendi sospetti.

Insomma, un incredibile vortice di rivelazioni ha messo in luce un dato imbarazzante: in Olanda c’era un grande antisemitismo.
«Superiore a quello italiano», commenta con Oggi Giampiero Mughini, «e pari a quello francese: alla Gestapo di Parigi arrivarono ben cinque milioni di denunce contro gli ebrei».  

Solo nel 2015 la verità sulla data della morte

Sempre nel 2015, un’altra rivelazione: il museo di Amsterdam che ricorda Anna Frank ha affermato che la ragazza morì di tifo nel lager di Bergen Belsen circa un mese prima di quanto finora si riteneva: a febbraio del 1945 e non a marzo, assieme alla sorella Margot.

Ciò significa che assai difficilmente sarebbero entrambe riuscite a sopravvivere fino alla liberazione del campo da parte delle forze alleate, avvenuta il 15 aprile.

Il padre Otto, invece, si salvò perché fu separato dal resto della famiglia e spedito nel campo di Auschwitz. Che, trovandosi in Polonia, fu liberato già nel gennaio 1945 dalle truppe sovietiche. Magra consolazione per le vittime del più tremendo genocidio della storia. Che nessun tifoso della Lazio potrà usare neanche per scherzo nelle polemiche fra tifosi di calcio.
Mauro Suttora


Thursday, November 02, 2017

Il film di Sorrentino su Berlusconi



di Mauro Suttora

Porto Cervo (Olbia), 26 ottobre 2017

Il film che allarma Silvio Berlusconi è arrivato in Sardegna. Il regista Paolo Sorrentino nei giorni scorsi ha girato molte scene di Loro fra Porto Cervo, Porto Rotondo e Baja Sardinia, e sono entrate in campo le attrici che interpretano le sue donne: Elena Sofia Ricci per l’ex moglie Veronica Lario, Kasia Smutniak con un ruolo imprecisato (deputata, amante?).

Il set è blindato, quelle che pubblichiamo sono foto “rubate”. Tutti sono tenuti all’obbligo del silenzio. Quindi non si sa se, come qualcuno sussurra, il personaggio della Smutniak corrisponda a quello di Francesca Pascale, fidanzata di Berlusconi dal 2011.

In luglio, prima dell’inizio delle riprese, Sorrentino era stato invitato nella residenza romana dell’ex premier, in via del Plebiscito. La società berlusconiana Medusa ha prodotto alcuni film del regista. All’incontro erano presenti Gianni Letta e l’avvocato di Berlusconi, il deputato Niccolò Ghedini. Il capo di Forza Italia aveva offerto a Sorrentino di aprire le porte delle proprie case per le riprese: Arcore, palazzo Grazioli, la Certosa di Porto Rotondo.

Ma il premio Oscar ha declinato l’invito, e in Costa Smeralda ha preferito girare in una villa nel centro di Porto Cervo, in via Sa Conca, e in quella che appartenne a Shirley Bassey a Punta Volpe (Porto Rotondo).
Nelle scorse settimane aveva installato il set prima in un attico con vista sul viale dei Fori Imperiali (come quello del film 'La grande Bellezza', che gli è valso la statuetta di Hollywood), e poi a Orbetello e Porto Ercole (Grosseto).

Ora Berlusconi ha paura: «Ho sentito delle voci sul film. Mi dicono che potrebbe essere un’aggressione politica nei miei confronti. Spero siano voci infondate». L’ex premier teme che il film si concentri sugli anni 2006-11, quando si circondava di schiere di belle ragazze e dava scandalo con le “cene eleganti”. «Le veline che candida sono ciarpame senza pudore», lo accusò l’ex moglie Veronica nel 2009.

«È un film su chi lo ha usato per cambiar vita»

Ad avvalorare questo timore c’è la partecipazione al film di Riccardo Scamarcio, nel ruolo del procacciatore pugliese Gianpaolo Tarantini. E anche, come mostriamo nelle foto, di attrici molto appariscenti come l’albanese Beniada Jakic, che potrebbe interpretare una escort o la loro reclutatrice, Sabina Began.

Sorrentino così spiega alla Bbc il suo film: «Non è solo su Berlusconi, ma anche sulle persone che provavano a cambiare il corso della loro vita usandolo. Non sono interessato agli aspetti politici, ma all’uomo che sta dietro il politico». E aggiunge: «Il mondo ha un’idea di Berlusconi come persona semplice, ma studiandolo ho capito che è molto più complicato. Vorrei provare a descrivere questo personaggio complesso».

Non a caso il titolo del film sarà 'Loro'. Inteso come “loro”, l’entourage pittoresco che da sempre accompagna il magnate televisivo e capo di Forza Italia: dalle olgettine ai faccendieri, dai politici del suo partito agli ex avversari che diventano suoi alleati. Ma anche “l’oro” che chi conquista la prossimità di Berlusconi cerca di incassare.

Le riprese andranno avanti ancora per un mese, ed è probabile che il film venga presentato al festival di Cannes in maggio. Quindi dopo le elezioni che si terranno in Italia, quasi sicuramente a marzo. Così non si ripeteranno le polemiche che si scatenarono per Il Divo, il film che Sorrentino dedicò a Giulio Andreotti nove anni fa (sempre interpretato dal suo attore preferito, Toni Servillo), o per 'Il Caimano' del 2006 con cui Nanni Moretti prese di mira Berlusconi due settimane prima delle elezioni.



Lo stile sarà più visionario che biografico

Come in quasi tutti i film di Sorrentino, spicca il protagonista Toni Servillo. Che curiosamente appare in due versioni di Berlusconi: una con i capelli, e una con la pelata. Che l’ex premier in realtà non ha mai avuto.
Ma lo stile di Sorrentino è visionario. Il film non sarà una biografia fedele, anche perché sembra focalizzarsi proprio sul quinquennio dei “bunga bunga”, il periodo meno commendevole dell’ex premier. E sarà un affresco più sociale che politico.

Oltre alla Ricci, alla Smutniak e a Scamarcio, ci saranno un Gianni Letta interpretato da Roberto Herlitzka, la deputata animalista Michela Vittoria Brambilla (Anna Bonaiuto), Mike Bongiorno (Ugo Pagliai) e il fido cantante personale Mariano Apicella (Giovanni Esposito).



Sarà anche una storia d’amore (con Veronica)

Pare che alcune scene verranno girate anche sui luoghi del terremoto dell’Aquila (2009). Veronica Lario, rivelando di avere incontrato anche lei il cineasta napoletano, ha detto che il film sarà «una storia d’amore».
Insomma, l’interesse per la nuova opera di Sorrentino è già alle stelle. E in tutto il mondo. Forte della vittoria agli Oscar, infatti, il regista questa volta ha ottenuto un budget internazionale, che gli permette di non badare a spese.

Ma lui non rinuncia ai suoi attori preferiti di sempre. Dario Cantarelli, per esempio, presenza costante nei suoi film così come in quelli di Nanni Moretti (aveva recitato anche nel 'Caimano').

Questa volta Cantarelli, che interpretava l’assistente della pseudo madre Teresa di Calcutta ne 'La Grande Bellezza', appare in varie scene accanto alla Ricci-Veronica: le bocche sono cucite, ma dato il cranio rasato potrebbe essere un personaggio ispirato all’ex amministratore delegato del Milano Adriano Galliani, oppure al giornalista berlusconiano Augusto Minzolini, ex direttore del Tg1 e poi senatore di Forza Italia.

Ma sono tanti i misteri sul film che si dissolveranno soltanto a Cannes, quando Loro verrà presentato al pubblico. È noto infatti che Sorrentino gira molte più scene del dovuto, e quindi ne taglia parecchie in fase di montaggio.

Berlusconi starà fino all’ultimo sulle spine

Fino all’ultimo, quindi, Berlusconi dovrà stare sulle spine. Un’esperienza inedita per lui, abituato a frequentare il cinema dalla parte del produttore con le sue società: Medusa per i film e Mediaset per le fiction tv.

Questa volta, invece, le scelte di Sorrentino sfuggiranno totalmente al suo controllo. Ma l’esperienza del 'Divo', il film su Andreotti, indica che il premio Oscar non calca troppo la mano sulla polemica politica (come fece Nanni Moretti nel 'Caimano'), preferendo una trasfigurazione artistica.
Quanto alle soddisfazioni politiche, se ci saranno, l’81enne Berlusconi se le prenderà alle imminenti elezioni.
Mauro Suttora


Wednesday, November 01, 2017

Visita al deposito Amazon



dall'inviato Mauro Suttora

Un magazzino di quasi 10 ettari. Gli ordini li dà il computer, e 1600 persone eseguono. Ecco come funziona la multinazionale che ci ha facilitato la vita. Ma che elude le tasse

Castel San Giovanni (Piacenza), 18 ottobre 2017

A cento metri dal casello autostradale della Brescia-Piacenza-Alessandria sorge un megacapannone di quasi 10 ettari (86 mila metri quadri), con dentro 368 milioni di prodotti. È il cuore italiano del più grosso fenomeno del commercio mondiale dopo i supermercati (il primo a Milano, un Esselunga, esattamente 60 anni fa: novembre 1957).

Qui 1.600 dipendenti Amazon smistano a ogni ora del giorno e della notte (tranne la domenica mattina) i milioni di nostri ordini che arrivano on line. «Un secondo dopo che avete fatto clic, noi cominciamo a lavorare», ci spiega Salvatore Schembri, responsabile del deposito.

Fino a poche settimane fa anche i prodotti acquistati su Amazon da Siracusa venivano impacchettati e spediti da qui. Ora Amazon, per far fronte all’impetuosa crescita, ha aperto un secondo magazzino a Passo Corese (Rieti), per  servire più rapidamente i clienti del centro-sud.

Ci siamo fatti spiegare come funziona, minuto per minuto, il percorso dei prodotti che acquistiamo, dal momento dell’ordine a quello dell’uscita del pacchetto (o paccone) dal centro di Piacenza. Lo spieghiamo nelle foto sopra.

In media, ci vogliono tre ore per soddisfare un ordine. Tutto, ovviamente, è computerizzato. L’aspetto più incredibile è il disordine dei prodotti che aspettano negli scaffali. Ci spiegano che i libri possono stare vicino ai giocattoli o ai vestiti perché ognuno è «firmato» elettronicamente: «Ci metteremmo più tempo a trovarli e occuperemmo più spazio se li dividessimo per genere».

Quanto fatturate? È vero che raddoppiate da un anno all’altro? «Non diamo dati sui bilanci italiani». E qui si apre una controversia: Amazon infatti è accusata di avere evaso 130 milioni di tasse in Italia, che per la Ue diventano 250 in tutta Europa, grazie a un trattamento di favore in Lussemburgo.
«Abbiamo utili bassi e quindi paghiamo poche tasse perché facciamo molti investimenti», replica Amazon.
Mauro Suttora


Wednesday, October 18, 2017

Franzoso: eroe per caso



Denuncia le "spese pazze" da mezzo milione del presidente di Ferrovie Nord (Regione Lombardia). Ma invece di essere premiato, viene prima mobbizzato e poi licenziato 

di Mauro Suttora

Oggi, 12 ottobre 2017

Ci tiene a precisare: «Non mi sento un eroe. Ho fatto solo il mio lavoro».
E il lavoro di Andrea Franzoso, 39 anni, già ufficiale dei Carabinieri, era quello di controllore dei bilanci alle Ferrovie Nord, società pubblica che gestisce i treni locali in Lombardia.

Due anni fa gli passano sotto gli occhi queste spese personali del presidente Norberto Achille: 124 mila euro in bollette per i cellulari aziendali usati anche da moglie e figli, 180 mila in multe alla Bmw di servizio guidata soprattutto dal figlio, 14 mila in vestiti, 30 mila in arredi ed elettronica, 3.700 in scommesse sportive, 17 mila in hotel e ristoranti. Rimborsata anche la toelettatura del cane, e 7 mila euro di abbonamento pay-tv, compresi alcuni film porno. Totale: mezzo milione.

I vertici aziendali insabbiarono tutto, e allora Franzoso presentò un esposto con nome e cognome. «Perché lo firmi? Può anche essere anonimo, non fare l’eroe», lo avvertì il maggiore dei Carabinieri che accolse la denuncia.
«Hai una vita davanti, non puoi rovinarti così. Se perdi il lavoro non ne trovi un altro, con la nomea che ti porti addosso», gli disse suo padre.

Niente da fare. Franzoso andò avanti, e quando Achille dovette dimettersi ecco le reazioni dei suoi colleghi, ora raccolte nel gustoso libro Il disobbediente (ed. Paper First): «La maggior parte rimane alla finestra, per capire da che parte tiri il vento. In molti mi esprimono solidarietà, ma di nascosto.
In ascensore, per esempio, e solo a tu per tu: appena le porte si riaprono, ciascuno per la propria strada. C’è chi mi dà appuntamento lontano da occhi indiscreti: al parco, come amanti clandestini. Una giovane collega, fan di Saviano e di tutto il pantheon antimafia, da Falcone e Borsellino a Nino Di Matteo, fustigatrice indefessa della corruzione altrui, decide di non farsi più vedere con me. Per quattro anni abbiamo lavorato insieme, ora mi evita. Un’altra passa dall’infatuazione, con fitto scambio di messaggi Whatsapp in cui esaltava il mio “straordinario coraggio” esprimendomi la sua “sconfinata ammirazione”, alla più fredda indifferenza».

Dopo averlo trasferito e mobbizzato, nel 2016 Ferrovie Nord ha licenziato Franzoso. Che ora si è preso la rivincita, con un convegno al Senato  il 12 ottobre cui sono intervenuti il presidente Pietro Grasso, Raffaele Cantone dell’Anac (Autorità nazionale anticorruzione) e Milena Gabanelli. Gian Antonio Stella, autore del libro La Casta, ha scritto la prefazione a Il Disobbediente.
Ma la legge che protegge i whistleblower («soffiatori di fischietto», i segnalatori di illeciti come lui) è ancora arenata in Parlamento.
Mauro Suttora

Wednesday, October 11, 2017

Parla Bossi: indipendenza e autonomia



Dopo il referendum in Catalogna, quelli in Lombardia e Veneto

di Mauro Suttora

Oggi, 5 ottobre 2017

«La Catalogna è la locomotiva della Spagna. Come la Lombardia per l’Italia. Si assomigliano». Esattamente trent’anni fa Umberto Bossi divenne senatùr: fu eletto con lo 0,5% che la Lega Lombarda racimolò alle politiche 1987.

Oggi il suo sogno si realizza. Ma a Barcellona. Qui in Italia Bossi si trova in minoranza nel suo stesso partito: la Lega non vuole più l’indipendenza. Si accontenta dell’autonomia, e per ottenerla ha indetto referendum in Lombardia e Veneto (le regioni che governa) il prossimo 22 ottobre.

Il referendum catalano è stato subito dichiarato illegale dal governo spagnolo. Che ha fatto intervenire la polizia per chiudere una settantina dei duemila seggi elettorali. Alla fine il risultato è stato ambiguo: il 90 per cento ha detto sì all’indipendenza, però hanno votato solo quattro elettori su dieci. Così tutti hanno potuto cantare vittoria.

«Ma lo stato-nazione, in Spagna come in Italia, è in crisi», dice Bossi a Oggi. «Conosco la Catalogna. Madrid ha tradito le aspettative. Lo stato centrale trasforma le democrazie in monarchie. Tutti ora pensano che il problema sia l’Europa. Ma in realtà il problema è lo stato centrale».

Lo stato centrale in Spagna è guidato dal premier di centrodestra Mariano Rajoy. Che ha sempre disprezzato la minaccia di secessione di Barcellona. Anche nel giorno del referendum l’ha bollata come «una sceneggiata».

Partiti spagnoli uniti

Nessun partito nazionale - i socialisti, i “grillini” di sinistra Podemos, i radicali di centro Ciudadanos - appoggia gli indipendentisti catalani.
La frattura quindi non è politica, ma geografica. Le immagini dei vecchietti sanguinanti colpiti dai poliziotti spagnoli con proiettili di gomma ai seggi hanno fatto il giro del mondo. Quasi comica la Guardia Civil (i carabinieri spagnoli) che si scontra con i pompieri (bomberos) catalani e con i poliziotti locali, inerti e complici dei propri connazionali. Ma alla fine hanno votato per la secessione solo due dei sette milioni di abitanti della Catalogna.
     
La ferita però resta aperta. Bossi incolpa i magistrati spagnoli: «Si sono inventati perfino che il presidente catalano avrebbe rubato fondi allo stato. Anche a Milano mi hanno accusato di essere un ladro. Ma io ho lasciato la Lega con un bilancio attivo di 41 milioni di euro. Comunque la repressione non riesce mai a ottenere il suo scopo. Porta solo maggiore determinazione per ottenere l’obiettivo della Catalogna libera».

Libertà. Per Bossi si conquista solo con la secessione: «L’autonomia è il contrario dell’indipendenza. Ci danno un po’ di soldi solo per non farci andar via. Ma il nord si sta deindustrializzando, le aziende chiudono. Quindi per necessità anche noi indipendentisti ci accontentiamo dell’autonomia che vuole Salvini».

Cosa significa, in concreto? «Se la Lombardia avesse lo statuto speciale come Trentino, Friuli, Sicilia o Sardegna, recupereremmo la metà dei 57 miliardi annui di residuo fiscale che oggi lo stato trattiene. E l’economia ripartirebbe».

Ma è proprio l’accusa che gli spagnoli rivolgono ai catalani: la rivolta dei ricchi. «No, dei liberi», mormora il senatur.

Prima del referendum catalano del 1 ottobre pochi sapevano del voto in Lombardia e Veneto. Ora l’attenzione aumenta. Hanno votato per indire la consultazione elettorale il centrodestra (che governa le due regioni con i leghisti Roberto Maroni e Luca Zaia) e il M5s. Ma anche vari sindaci lombardo-veneti del Pd sono favorevoli.
Mauro Suttora


Tuesday, September 19, 2017

intervista a Mauro Suttora su Di Maio

CAOS M5S/ Suttora: primarie e Di Maio, la truffa finale di Casaleggio

"La candidatura di Di Maio è il miglior risultato della finta democrazia che c'è in M5s. La Casaleggio Associati comanda, il movimento risponde" commenta Mauro Suttora, inviato di Oggi

19 settembre 2017

link all'originale su www.ilsussidiario.net

"Questo fa il M5s: dare l'opportunità a chiunque di farsi Stato ed occuparsi della cosa pubblica". E Twitter si scatena: chi le chiama buffonarie M5s, chi scrive "Di Maio contro nessuno: un bel derby".
Ieri sono scaduti i termini per la presentazione delle candidature alle primarie a 5 Stelle. Hanno fatto un passo indietro big pentastellati come Di Battista, Nicola Morra, Roberto Fico, rimangono sette controfigure di contorno, la più nota delle quali è la senatrice Elena Fattori.

Il peggiore schiaffo ai vertici viene dallo sfidante Vincenzo Cicchetti, consigliere comunale a Riccione per M5s: "Io sono rimasto legato a quell'idea di movimento che aveva Grillo nel 2011 — ha spiegato Cicchetti —. Me la raccontò quando lo riaccompagnai a Bologna dopo un suo comizio a Rimini. Mi parlò di meritocrazia, uno vale uno e tutte quelle cose che in questi anni sono state messe da parte perché il leaderismo attuale è lo stesso degli altri partiti che abbiamo sempre criticato".

"La candidatura di Di Maio è il miglior risultato della finta democrazia che c'è in M5s. La Casaleggio Associati comanda, il movimento risponde" commenta Mauro Suttora, inviato del settimanale Oggi. Suttora ha seguito le vicende del mondo pentastellato fin dai suoi inizi.

Sembra che Grillo si farà da parte perché il candidato premier sarà anche il capo politico del movimento. Lei ci crede?

Figurarsi. Sono almeno tre anni che si continua a dire che Grillo si fa da parte. Grillo vorrebbe fare un passo indietro, ma non può farlo, anzi, ieri sera (domenica, ndr) è stato costretto a fare un passo avanti, perché la maggioranza dei parlamentari grillini non sopporta Di Maio. Questa è la verità che nessuno di loro osa dire apertamente.

Forse perché vorrebbero essere al suo posto.

Perché hanno capito che è smodatamente ambizioso e che la sua corsa solitaria va contro la filosofia portante del movimento, che è nato anche per dire no ai personalismi della politica italiana. Non si può, dopo aver tuonato per dieci anni contro Berlusconi e il suo partito padronale, e poi contro Renzi, fare esattamente lo stesso. C'è da dire che da questo punto di vista Di Maio è tecnicamente perfetto: potrebbe fare carriera in qualsiasi partito perché è il classico democristiano.

Un insulto.

Per me no, per i grillini sì. Il peggiore.

Le ricorda più Renzi o Berlusconi?

Ha la lingua sciolta e il cervello fino di entrambi. Con l'aggravante — o il pregio — di avere dici anni in meno di Renzi e cinquanta in meno di Berlusconi.

Si parla di prove sotterranee di intesa tra Salvini e Grillo in vista del dopo elezioni. E' possibile?

Secondo me no. Soltanto il no all'euro e un vago sovranismo accomunano M5s alla Lega, con la differenza che la Lega ha una sua ideologia, ormai più o meno elaborata, e dei princìpi, sbagliati o giusti che siano, mentre M5s ne è del tutto sprovvisto. La Casaleggio Associati segue i sondaggi e decide. Ha visto che ora fa comodo essere contro i migranti e quindi è contro i migranti. E così via.

Idem per la moneta unica e le regole Ue.

Su euro e Ue si sono viste le montagne russe: nel 2014 i grillini si presentarono alle europee dicendo che volevano dare battaglia contro il fiscal compact e contemporaneamente raccolsero le firme per un referendum sull'euro che già sapevano che non si sarebbe mai potuto fare. Dopo il dietrofront di Tsipras, quando è sembrato chiaro che la Ue avrebbe tenuto, hanno messo il referendum in cantina.

E adesso?

Dipende dalla situazione economica. Se le cose andranno bene, non faranno alcunché. Se invece, per ipotesi, dovesse avere un exploit il partito xenofobo e antieuropeo in Germania (AfD, ndr), tornerebbero a tuonare contro Ue ed euro.

Perché Casaleggio jr ha scelto di puntare su Di Maio?

Nell'aprile scorso, quando è morto Gianroberto, Di Maio ha stretto un patto con il figlio Davide facendogli capire che se si voleva il potere serviva un volto istituzionale, spendibile nei salotti. Davide Casaleggio, che queste logiche le capisce perché è un bocconiano, non ha avuto difficoltà a convincersene e a puntare tutto su di lui.

Da chi è fatta oggi la base di M5s?

Direi che la maggioranza è più di sinistra che di destra. Nel sovranismo del movimento si trova un po' di tutto, ma prevale la vecchia matrice ex No global.

Chi vincerà in Sicilia?

Fino a poco tempo M5s era favorito. Oggi il disastro di Roma e la finta elezione di Di Maio potrebbero avvantaggiare il centrodestra. Vedremo.

Insomma alla fine avremo un Di Maio che sembrerà autonomo, invece prenderà ordini da Grillo e Casaleggio.

Attenzione, Grillo e Casaleggio non sono uniti. Casaleggio sostiene Di Maio, mentre Grillo ha un'anima più movimentista ed è più vicino agli "ortodossi", nei quali si rispecchia la maggioranza degli eletti e degli attivisti, che sono tutti anti-establishment. Ma voteranno Di Maio per disciplina.

Grillo però è andato a Roma in extremis per riportare gli ortodossi alla ragione.

Al contrario: non è come si legge in giro. Voleva che Fico si candidasse per evitare la figuraccia di un plebiscito.

Allora che cos'è cambiato? Con chi sta Grillo?

Ha capito che per contare bisogna legarsi ai poteri forti. Sta con la piazza, ma voterà Di Maio.

Federico Ferraù