Tuesday, September 29, 2009

Humour failure on Berlusconi

L'abbronzatura di Obama scandalizza l'Unità, ma in America fa ridere

di Mauro Suttora

Libero, 29 settembre 2009

«A… A… Abbronzatissima!» Guai a scherzare sulla canzone di Edoardo Vianello (1963), applicandola a Michelle Obama. Silvio Berlusconi regala l’ennesima prima pagina all’Unità (ma come le riempirebbero, senza di lui?), con ovvia censura annessa: «razzismo». L’ex organo del Pci perde la «i» e resta pc: sigla internazionale per «politicamente corretto», oltre che per personal computer.

Solo che negli Stati Uniti, inventori di entrambi i pc, la correttezza politica dopo trent’anni ha stufato, e abbondano invece le barzellette (berlusconiane?) sulle capriole verbali di chi non osa offendere minoranze e presunti minorati. Aveva già scritto tutto Allan Bloom nell’87 nel libro «La chiusura della mente americana», che guarda caso è stato appena ripubblicato in Italia da Lindau dopo che da decenni l’edizione Frassinelli era esaurita (a proposito di censure).

Guai a chiamare i neri «niggers», e va bene. Poi però sono stati proibiti anche «negro» (appellativo rispettabile, sempre usato da Martin Luther King), e via via addirittura «black», l’aggettivo che ancora negli anni ’70 veniva orgogliosamente inalberato dai neri stessi: «Black power», «Black panthers». Così oggi, se non dici compitamente «african american», parola lunghissima e ridicola, gli americani perbenino inarcano il sopracciglio.

Naturalmente i neri se ne fottono, e si sfottono allegramente fra loro a colpi di «nigger». Ma questo capita ovunque: da noi gli unici con licenza di «terrone» sono da sempre i meridionali. Il problema è che alcuni italiani oggi stanno diventando la caricatura degli americani. Così, invece del dignitoso «disabile» e del complicato «portatore di handicap», il perfetto pc ex pci dirà «diversamente abile».

Adesso la sinistra diversamente intelligente attacca la battuta di Berlusconi sull’abbronzatura della First lady Obama, ma non si accorge di stare copiando in peggio il pc made in Usa. Negli Stati Uniti, infatti, qualche zona franca rimane: la scorsa settimana il comico tv David Letterman, davanti a milioni di telespettatori, ha chiesto a Obama: «Scusi, lei da quanto è che è nero?» Il presidente, ridendo per scacciare le accuse di razzismo, aveva scherzato: «Ero già nero da prima delle elezioni”. Impensabile in Italia, perlomeno dalle parti della gauche-caviar pariolina.

Siccome la stupidità è contagiosa, le frontiere del pc si allargano inesorabilmente. Quando ho osato additare una signora grassa alla mia fidanzata americana sulla spiaggia, dicendole: «Guarda quant’è cicciona», lei si è subito irrigidita: «Mauro, “fat” non si dice».

«Ma lei non ci ha sentito», ho risposto.

«Fa lo stesso. Dà fastidio a me».

«E come devo dire, allora?»

«Mah… Oversize (taglia superiore), oppure chubby (paffuta)».

Infatti adesso anche in Italia svolazziamo in un turbinio di «taglie forti, larghe, morbide», mentre gli anziani si trasformano in «maturi». Come siamo educati, signora mia. I ritardati sono diventati «mentally challenged», sfidati mentalmente. Impotenti e frigide? «Sexually challenged». E non parliamo degli omosessuali (pardon, gay), che per mio nonno erano tragicamente «pederasti, invertiti, degenerati». Chi osa pronunciare una parola un po’ forte si cautela con un gesto ridicolo, simulando contemporaneamente le virgolette con medio e indice di entrambe le mani.

L’unico su cui si può ancora liberamente scherzare è lo «psiconano di Arcore». Ma scommettiamoci: i vittoriani di sinistra prima o poi lo impediranno, e anche Berlusconi verrà tutelato con un gran bel «diversamente alto».

6 comments:

lucabagatin.ilcannocchiale.it said...

Essendo "alto" come Berlusconi debbo dire che "diversamente alto" mi piace.
Grillo gli da dello "psiconano". A quando a Grillo daranno dello "psicoscemoriccosfondatosullecazzatechedice" ????

:-D

mauro suttora said...

ah, pure tu sei height challenged?

lucabagatin.ilcannocchiale.it said...

Mauro, siamo in Italia, ma perché mi parli in ostrogoto ???

mauro suttora said...

ma e' dialetto friulano:
height = altezza
challenged= sfidato (ma anche sfigato...)

insomma: con problemi d'altezza

come dite voi: dioboe

Alessandro Bonomonte said...

Sull'argomento la Bibbia è questa: La cultura del piagnisteo. La saga del politicamente corretto, Hughes R., Adelphi, 1994.

A proposito di Beppe Grillo, invece, mi piacerebbe trovare una definizione spiritosa e politicamente corretta sulla sua diversa abilità alla guida, ma l'umorismo macabro non è il mio forte.

lucabagatin.ilcannocchiale.it said...

Ahahahahah "dioboe" ???
Ma che è...friulano, appunto ?
Qui a Pordenone (per fortuna) si parla per la maggior parte veneto (e dove abito io, a 10 km da Pordenone SOLO veneto).
Nessun problema d'altezza. Io mica sono krukko al 100% come gli autro-ungarici di queste zone !
Per metà sono centrista con un padre alto 165 cm (nonno paterno 150 cm).
Per me chi supera i 170 cm d'altezza è sulla via della malattia e chi supera gli 180 è addirittura OVERSIZE (ogni tanto l'ostrogoto lo parlo anch'io) !!! :-D
Chi arriva ultimo, di solito, è perché ha le gambe corte.
Che dice a questo proposito la Bibbia ? Gli ultimi saranno i primi (o giù di lì).
Per cui i krukki so fregati !!!
:-)))