Wednesday, February 05, 2003

parla il nipote di Claretta Petacci

Intervista a Ferdinando Petacci

"Il diario di zia Claretta dirà che fu Churchill a farla uccidere"

ESCLUSIVO Parla l' unico superstite di Dongo

"Lo Stato nasconde i suoi scritti e le lettere a Mussolini", dice Ferdinando (a lato, col nostro cronista) "Quei documenti proveranno gli accordi top secret tra il Duce e il premier inglese che, per evitarne la divulgazione, avrebbe ordinato l' eliminazione di Benito e dell' amante che sapeva"
"Violentarono mia madre e spararono alle spalle a papà"

dal nostro inviato a Phoenix (Arizona) Mauro Suttora

Oggi 5 febbraio 2003

Dopo sessant' anni bisogna venire fino in Arizona, a diecimila chilometri dall'Italia, per sapere qualcosa di più su uno dei grandi misteri del Ventesimo secolo: l'uccisione di Benito Mussolini e dell' amante Claretta Petacci. "Terra di sogni e di chimere" era definito questo Stato americano in una famosa canzone dell' era fascista, il Tango delle capinere. Ma il suo autore, Cesare Andrea Bixio, aveva scelto l' Arizona per far rima con una "chitarra che suona". E oggi arriviamo fra deserti e grand canyon solo perché qui abita l' unico erede vivente dei Petacci: Ferdinando, 61 anni, figlio di Marcello e nipote di Claretta.

C' era anche lui, bimbo di tre anni, sull' Alfa Romeo fermata a Dongo (Como) dai partigiani il 28 aprile 1945, assieme alla zia Claretta, a papà Marcello, alla mamma e al fratellino di cinque anni. Assassinati i primi due, violentata per giorni la madre, bloccato lo sviluppo mentale del fratello (morto poi giovane di cancro) perché aveva assistito alla fucilazione del padre, Ferdinando è il solo sopravvissuto al dramma. "Per decenni non ho voluto sapere nulla di quelle vicende", mi confessa nella hall dell' albergo dove abbiamo appuntamento, "anche se dopo aver perso la nostra casa di Merano mia madre dovette mandarmi in collegio sotto falso nome. Non sono fascista, non lo sono mai stato, mi sono costruito da solo la mia vita e la mia carriera di dirigente industriale. Mi sono sposato e ho avuto due figli che vivono negli Stati Uniti come me.
Poi, con l' età, mi sono reso conto che la nostra famiglia ha subito una grossa ingiustizia. Non c' era alcun motivo di uccidere Clara Petacci, che ebbe l' unico torto di amare un uomo. Non c' era alcun motivo di ammazzare mio padre, che non era un gerarca fascista: lo urlarono i ministri di Salò ai partigiani comunisti mentre li stavano fucilando. Mio padre riuscì a scappare, si tuffò nel lago, ma fu colpito mentre si allontanava. Dopo la morte di zia Miriam, una decina di anni fa, sono subentrato a lei nella richiesta allo Stato italiano di rientrare in possesso dei diari di mia zia e delle sue lettere a Mussolini".

E questo è il motivo per cui siamo qui. Lei si oppone alla pubblicazione di questo carteggio. Come mai?

"Perché lo Stato italiano ha preso in giro noi eredi per oltre mezzo secolo, e ancora adesso non vuole ridarci ciò che è di nostra legittima proprietà. Il diario e le lettere private, infatti, furono affidati da mia zia Clara a una sua cara amica, la contessa Cervis, prima di fuggire dal lago di Garda nell' aprile ' 45: vivevano assieme nel Vittoriale di D' Annunzio. La contessa seppellì il plico nel giardino della sua villa. Claretta, giunta a Milano, preferì restare con Mussolini, rifiutando di scappare in aereo per la Spagna con la sorella Miriam. Ma a lei si raccomandò: "Se mi capitasse qualcosa, i documenti sono lì". A guerra finita Miriam restò in Spagna e i carabinieri sequestrarono il carteggio. Ma qui cominciano i misteri. Perché dall' inventario del sequestro risulta che le lettere di Mussolini e le minute di quelle di mia zia fossero 600, mentre ora sono la metà. Dove sono finite le lettere mancanti ? Perché sono sparite ? Chi le ha prese ? E che cosa c' era scritto di così delicato da rendere necessario un trafugamento ?".

Lei non ha mai potuto neanche visionare il diario e le lettere ?

"No. Dicevano che c' era il segreto di Stato, che in Italia dura cinquant' anni. Ma nel ' 95, alla scadenza del termine, hanno trovato un' altra scusa per mantenere il segreto: Paola Carucci, sovrintendente dell' Archivio centrale dello Stato, mi ha scritto opponendo un fantomatico diritto alla privacy, che scadrebbe dopo settant' anni. Quindi, secondo loro, io dovrei aspettare ancora fino al 2015. Ma non solo io: tutti gli storici sono esclusi dalla consultazione. Perfino al più prestigioso fra loro, Renzo De Felice, è stato negato l' accesso a quelle preziose carte. Prima con la scusa del segreto, poi con quella della privacy. Proprio contro gli unici che potrebbero dolersene, e cioè i legittimi eredi".

La sovrintendente Carucci è stata sostituita cinque mesi fa dal governo Berlusconi.

"Ma anche i nuovi dirigenti mi deludono", dice Petacci, "quando annunciano che lettere e diari verranno pubblicati, senza restituirli ai legittimi proprietari: si tratterebbe di un ulteriore esproprio senza indennizzo ai danni della mia famiglia".

Si può facilmente immaginare il valore storico ma anche commerciale di una pubblicazione di questi documenti. I misteri sulla fine di Mussolini (dal famigerato "oro di Dongo", il tesoro che i gerarchi in fuga portavano con loro e poi scomparso, alla vera identità del colonnello Valerio, il presunto giustiziere del dittatore fascista, fino alle prove dei contatti segreti fra il premier britannico Winston Churchill e Mussolini e all' assassinio di vari testimoni di quelle vicende) hanno sempre messo in imbarazzo gli eredi dei partigiani comunisti che ammazzarono in quattro e quattr' otto l' ex Duce in fuga.

Perché tutta quella fretta di fare giustizia sommaria ? Sull' argomento sono state avanzate le ipotesi più inquietanti, come quelle contenute nei libri dell' ex capo partigiano Urbano Lazzaro (quello che catturò Mussolini) e dello storico Luciano Garibaldi. Quest' ultimo ne dà un panorama completo nella sua opera più recente, La pista inglese (edizioni Ares, 15 e).

Una pista, quella del coinvolgimento dei britannici, a cui crede anche Ferdinando Petacci: "Sono convinto che la decisione di uccidere Mussolini, mia zia e mio padre fu frutto di un accordo fra agenti inglesi e il colonnello Valerio, che secondo Lazzaro era Luigi Longo, numero due del Pci di Palmiro Togliatti e suo successore".

C' è anche chi ipotizza che Valerio, giunto a prendere i prigionieri per portarli a piazzale Loreto, li trovò già cadaveri. E che fu inscenata una macabra doppia fucilazione, perché i comunisti non volevano perdere il merito di avere giustiziato il Duce. Ha qualcosa da aggiungere sulla pista inglese rispetto agli storici ?

"La vicenda della mia famiglia. Mio padre Marcello ci aveva portati in salvo in Svizzera qualche tempo prima, attraversando di notte il confine nella Val d' Intelvi. Eppure ci fece tornare tutti in Italia, me, mia madre, mio fratello, per prendere mia zia Clara. Perché rischiare ? Mio padre non era certo un pazzo. Aveva dato a tutti noi un passaporto spagnolo, lui si faceva passare per un diplomatico di Madrid, e quando l' Alfa Romeo fu fermata dai partigiani soltanto l' intelligenza di Lazzaro, che era un' ex guardia di Finanza, abituato ai controlli di frontiera, gli fece scoprire un' incongruenza fra il passaporto personale di mia madre e quello collettivo. Così ci arrestarono. Altrimenti Clara Petacci si sarebbe salvata: nessuno l' aveva riconosciuta".

Perché Marcello Petacci era così tranquillo ?

"Perché fino alla sera prima aveva trattato a Milano con agenti spagnoli e inglesi. Churchill era ricattabile da Mussolini, col quale aveva condotto trattative segrete per tutto l' anno precedente. Lo statista inglese aveva capito che il pericolo del futuro non era più la Germania, ma l' Unione Sovietica di Stalin. Quindi aveva contattato Mussolini fin dal giugno 1944, subito dopo il successo dello sbarco in Normandia, con due obiettivi. Il primo era quello di una pace separata con l' Italia, che avrebbe permesso di liberare truppe preziose impegnate sul fronte degli Appennini, spostandole su quello francese per arrivare a Berlino prima di Stalin. Il secondo era quello di convincere Hitler, tramite Mussolini, a negoziare un armistizio a Ovest. Così la guerra sarebbe continuata solo fra nazisti e comunisti, sul fronte orientale. Di tutto questo era al corrente non solo mia zia, ma anche mio padre".

Prove?

"Non le deve chiedere a me, ma allo Stato italiano che nasconde da 58 anni il diario privato di Clara Petacci e le lettere Petacci Mussolini. Comunque esistono testimonianze inequivocabili di incontri segreti fra capi fascisti ed emissari inglesi sul lago d' Iseo. E lo stesso duce si recò due volte in auto di notte da Salò a Ponte Tresa, fra Varese e la Svizzera, per incontrare agenti britannici. Lo doveva fare di nascosto, eludendo la "scorta" delle SS. Anche le trascrizioni delle sue telefonate con Hitler dimostrano come cercasse di convincere il Fuehrer a un armistizio non solo sul fronte italiano, ma anche su quello francese. Hitler però non ne volle sapere".

Fra gli occidentali, gli Stati Uniti non erano disposti a un armistizio coi nazisti, né a tradire l' alleato Stalin. Pretendevano la resa di Hitler.

"Infatti. Per questo la posizione di Churchill era delicata. Se Mussolini avesse subito un processo pubblico, avrebbe esibito le prove delle trattative con il capo inglese, mettendolo in imbarazzo. Per questo gli agenti del controspionaggio inglese, ricevuta la notizia della sua cattura sul lago di Como, si attivarono per eliminarlo. E con lui dovettero uccidere mia zia, che era al corrente di tutto. Infatti lei negli ultimi tempi era diventata una sua stretta confidente anche per le vicende politiche: il diario e il carteggio lo dimostreranno. Non c' era alcun' altra ragione per ammazzarla. Né c' era ragione che Churchill si precipitasse sul lago di Como poche settimane dopo, nell' estate 1945, con la scusa di trascorrere le vacanze nella villa di Moltrasio che oggi appartiene ai Versace, a pochi chilometri da Dongo. È provato che il capo inglese incontrò il funzionario della banca dove era stata depositata la borsa di documenti dalla quale Mussolini non si separava mai: "Lì dentro c' è il futuro dell' Italia", si raccomandò il Duce col partigiano che gliela prese. Anche quei documenti sono spariti".

Mauro Suttora

17 comments:

orietta said...

mah!
hai le paturnie o è per euforia che riposti due articoli di 5 anni fa?

mauro suttora said...

perche' me ne sto rioccupando

la vera storia mussolini/churchill a mio modestissimo parere non e' stata ancora scritta

lucabagatin.ilcannocchiale.it said...

Palazzolo direbbe che riposti vecchi articoli perché oggi ti vergogni davvvero di quel che scrivi... ;-)
Io ovviamente non la penso (necessariamente ;-)) così e ti invito ad approfondire anche la questione del comandante Valerio, ovvero di Walter Audisio....il comunista raccomandato dai fascisti, per così dire.
Ne ha parlato recentemente Mirella Serri nel suo ultimo saggio.

daniela w. said...

MUSSOLINI: GIP, FUCILATO IN GUERRA, ESECUTORI NON PUNIBILI

(AGI) Benito Mussolini fu ucciso “per ragioni inerenti alla guerra” e per questo gli esecutori non possono essere puniti. E’ la decisione presa oggi dal Giudice delle Indagini Preliminari di Como, Nicoletta Cremona, sulla morte del Duce. I legali di Guido Mussolini non si danno per vinti e fanno sapere che potrebbero ricorrere alla Corte Europea non prima di aver letto attentamente le motivazioni, riassunte in cinque pagine, che hanno indotto il Gip ad accogliere la richiesta di archiviazione avanzata dal Sostituto Maria Vittoria Isella della Procura di Como. Una archiviazione che appariva scontata ancor prima che fosse aperta l’inchiesta.
D’altronde era stato lo stesso Procuratore Capo, Alessandro Maria Lodolini, a dire neanche tanto tra le righe che l’esposto presentato dal nipote del Duce non avrebbe avuto molte possibilita’ d’accoglimento. Il Gip ha di fatto respinto l’ipotesi avanzata da Guido Mussolini che con la denuncia presentata lo scorso anno riapri’ un capitolo di storia che pareva chiuso da 62 anni. Il reato non e’ solo prescritto, ma secondo il Giudice “l’omicidio del duce - si legge nelle motivazioni di sentenza - rientra nell’ambito di applicazione di un decreto che dispone il non essere punibili tutti quegli atti considerati azioni di guerra”. Il Giudice, tuttavia, considera “argomentato e motivato” il ragionamento sostenuto dal nipote del Duce secondo il quale il nonno e l’amante, Claretta Petacci, non furono fucilati dai partigiani (la versione ufficiale) ma uccisi nel sonno (l’ipotesi dell’omicidio da parte dei servizi segreti britannici) e sottolinea che le varianti storiche non forniscono elementi che diano la possibilita’ di dedurre con certezza che si tratti di un delitto premeditato.

orietta said...

intanto io continuo a rodermi il fegato dopo che ho visto, visitando Roma un obelisco, nella piazza antistante il campo olimpico, con la scritta MUSSOLINI DUX!
Ho inviato la mia indignazione a giornali e ANPI ma nessuno mi ha risposto.
Buona l'idea della Corte Europea, magari mi rivolgo là.
O forse mi risponderanno che pure in Germania ce n'è uno con la scritta HITLER FURER!

Me lo date un consiglio?
Esagero ad indignarmi?

Riccardo said...

Io mi indigno ogni volta che vedo "viale G. Stalin" a Bologna. Vecchio vizio da antocomunista...

mauro suttora said...

beh, se c'e' un viale stalin allora per equipollenza ci vorrebbe anche un viale hitler...

Anonymous said...

Orietta andare a lavorare e tenersi impegnate le giornate no?

mauro suttora said...

ma orietta e' una signora matura, non so se in età pensionabile - soprattutto ora che l'hanno alzata a 65 - ma comunque merita rispetto. Contrariamente agli anonimi...

Anonymous said...

(dall'estero) ben d'accordo con orietta. Pero non è sola ad essere coinvolta la democratica Italia, in spiacevoli situazioni di questo tipo : per quanto io sappia c'è un "Balbo Drive" a... Chicago.

luc nemeth

Pieraldo said...

Bravo Suttora, complimenti per aver collaborato alla pubblicazione del libro. Lo sto leggendo e ho un sacco di domande e considerazioni. Continua in questa direzione. Soprattutto nella situazione attuale in Italia, é importantissimo dare una visione storica e la piú obiettiva possibile di quel che é successo in quel periodo

mauro suttora said...

quali domande e considerazioni?

Anonymous said...

Incredibile argomento. Spero che arrivi infine un po' di luce su una delle questione che, storicamente parlando, potrebbe spiegare molti atteggiamenti del governo italiano e di alcuni politici. Intrighi, o presunti tali, di paesi che hanno scritto alcune pagine poco gloriose per l'epoca moderna.

Mi auguro vivamente che la sua inchiesta/ricerca arrivi senza pregiudizio fino in fondo.

Auguri!

Domenico di Filippo (VA)

Pieraldo said...

Si le mie considerazioni e domande sono le seguenti :
1) Come mai Mussolini sembra cambiare la sua attitudine verso Marcello Petacci ? All'inizio della relazione Claretta chiede di aiutarlo e lui rifiuta e alla fine del libro dice che sta facendo qualcosa per lui, senza altre spiegazioni. Ha qualche relazione con quello che dice Edda Ciano che Marcello faceva cose losche?
2) Non mi sembra che ci siano molti indizi nel libro che Claretta fosse spia inglese, a parte il fatto che abbia imparato il tedesco e che non sembra molto d'accordo sulle leggi razziali.
3) Di che viveva Mussolini anche per mantenere le tante amanti? Dice che non prendeva neanche un soldo dallo Stato, le vendite del Popolo d'Italia e dei libri erano sufficenti?
4) Mi sembra che nel dopoguerra la famiglia Mussolini sia stata trattata molto meglio che la famiglia Petacci e la stessa famiglia reale. Perché secondo Lei?
5) Da dove provenivano i soldi per la costruzione della casa della Camilluccia?
6) Claretta sembra sempre in disparte, quando si venne a conoscere ufficialmente di Lei?
7) Come mai i carabinieri andarono a colpo sicuro nel giardino della contessa Cervis per trovare i diari? Chi lo indicó?
Per il momento é tutto, complimenti ancora per contribuire alla pubblicazione del libro

Anonymous said...

anche io penso che tua mma e stata violentata , ed ammazata non in piazza ma in altra parte poi portata di la.
Italia era a quell tempo un popolo di mongoli :lo dimonstra l'atto agresivo con quale i partigiani hanno risposto al male fato del fascista Mussolini, ed penso che anche cosi tranquilli siete ancora un popolo di mongoli analfabeti

Anonymous said...

Riccardo a Bologna non c'è mai stato perchè a Bologna non esiste via G. Stalin, ma via Stalingrado: se non sa la differenza mi dispiace per lui.

Anonymous said...

ma scusate ma che fastidio vi danno i monumenti con la scritta DUX o DUCe? Alla fine fanno parte della nostra storia. Io abito in un palazzo del 1932 fatto costruire da Mussolini e all'ingresso porta le due date (quella normale e quella dell'era) e la scritta Dux con due fasci dalle parti e noi abitanti del palazzo siamo orlogliosi anzi la teniamo sempre curata e pulita perchè è un pezzo di storia che piaccia o che nn piaccia però è successo e dobbiamo acettarlo: