Thursday, May 15, 2008

L'Ici va via (ma poi torna)

Lo Stato rimborsa ai sindaci la tassa sulla casa

Scompare l' imposta più odiata d' Italia. I Comuni, però, non possono rinunciare a quei soldi. Quindi continueremo a pagare in altri modi. E addio federalismo...

di Mauro Suttora

Roma, 14 maggio 2008

Sindaci di estrema sinistra che vogliono abolire l'Ici, d' accordo con Silvio Berlusconi. Sindaci di centrodestra i quali, invece, vorrebbero mantenerla. La promessa del nuovo premier di cancellare l'Imposta comunale sugli immobili scompagina gli schieramenti. "Chi è tornato al Paese dopo quarant'anni in miniera all'estero, e si è costruito la casa da solo impastando il cemento col proprio sudore, non dev'essere colpito da una tassa sulla propria abitazione", dice a Oggi Ippazio Stefàno, sindaco di Taranto, Sinistra Arcobaleno.

"Ma senza l' Ici addio federalismo, e non si possono più premiare i comuni che non sprecano", obietta Attilio Fontana, sindaco di Varese, Lega Nord. Su una cosa però tutti gli 8.100 sindaci d' Italia, destra o sinistra, sono d' accordo: quando il governo toglierà l' Ici sulle prime case, dovrà rimborsare ai comuni una cifra equivalente a quella finora incassata.

"Altrimenti non riusciamo ad andare avanti, perché l' Ici rappresenta più della metà delle nostre tasse e il venti per cento delle nostre entrate", ci spiega Graziano Vatri, Udc, sindaco di Varmo (Udine), uno dei 5.800 comuni italiani con meno di cinquemila abitanti. E così sarà. Lo ha promesso il ministro dell' Economia in pectore, Giulio Tremonti, al sindaco di Firenze Leonardo Domenici, Pd, presidente dell' Anci (Associazione nazionale comuni italiani): i due miliardi e 200 milioni annui di euro sulle prime case che i Comuni riscuotevano direttamente da quindici anni verranno sostituiti da trasferimenti statali.
Non cambia nulla, quindi. Quel che pagavamo ai Comuni due volte l' anno, a giugno e a dicembre, ci verrà tolto con l' Ire (Imposta sui redditi, ex Irpef) e con le altre tante tasse, dall' Iva alle accise sulla benzina.

Dal calderone dei soldi finiti a Roma, lo Stato poi aumenterà di due miliardi i trasferimenti ai Comuni. Cambierà soltanto la nostra percezione: non dovremo più mettere direttamente mano al portafogli. E i lavoratori dipendenti, che non pagano di persona l' Ire perché le tasse vengono loro trattenute automaticamente in busta paga, non si accorgeranno dell' aggravio sulla fiscalità generale. A ben pensarci, l' unica categoria che ci perderà è quella di chi non possiede la casa in cui abita. Anche i non proprietari, infatti, saranno costretti indirettamente a colmare il buco causato dalla scomparsa dell' Ici.

Si ritorna, insomma, a prima del 1992. In quell' anno il governo Amato, sull' orlo della bancarotta, oltre a un prelievo diretto sui conti correnti, si inventò l' Isi (Imposta straordinaria immobili) del 3 per mille sul valore di tutti i fabbricati. L' anno dopo la tassa divenne fissa e, per apparire meno odiosa, la riscossione fu delegata ai Comuni, in nome del federalismo. Ogni Comune da allora può decidere quale aliquota applicare, dal 4 al 7 per mille (8 per gli appartamenti sfitti in città ad "alta tensione abitativa").

Ora rimarrà l' Ici soltanto sulle seconde case e su quelle di lusso, che forniscono un introito di 800 milioni di euro circa all' anno.le conferme di tremonti "L' Ici", spiega il sindaco Domenici, "è la prima entrata dei comuni, dal quale dipendono gran parte dei servizi ai cittadini. È quindi necessario, come confermato da Tremonti, che un suo sgravio trovi una compensazione congrua, adeguata e precisa. Per noi il federalismo fiscale è una priorità assoluta".

L' esenzione dall' Ici avverrà con le stesse modalità che il governo Prodi aveva già previsto, allargando l'esonero dal 40 per cento concesso dal governo di centrosinistra al 100 per cento previsto dal nuovo governo per la prima casa a uso abitativo. Uno studio realizzato da Anci Cittalia dimostra che il 56 per cento dei comuni riscuote direttamente l' Ici, mentre il 38 per cento (quelli medio piccoli) utilizza concessionari. Il 60 per cento dei comuni italiani possiede dati aggiornati della banca dati catastale, con picchi maggiori nel Nord Est. Ma c' è anche un 25 per cento di comuni, equamente distribuiti sul territorio nazionale, che opera su dati non aggiornati, e quindi incassa meno del dovuto.

Clamoroso è il caso di alcune case nei centri storici delle grandi città accatastate come "popolari" invece che "di lusso". "Si parla anche di una riforma della fiscalità sugli affitti", dice Domenici, "con la proposta della tassazione con una cedolare secca del 20 per cento: ecco, chi sarebbe il beneficiario di quel gettito? Il rischio è di tornare a un sistema di finanza derivata, togliendoci autonomia fiscale e finanziaria. E questo è assolutamente contrario al federalismo fiscale".

Non è un mistero che il governo Berlusconi voglia tagliare la spesa pubblica. Togliendo l' Ici ai comuni, e riprendendo il controllo del rubinetto dei soldi, il governo può costringere gli enti locali a risparmiare, semplicemente negando loro i finanziamenti. "Ma per noi spendere di meno è impensabile", ci dice il sindaco leghista di Varese, Fontana. E mostra il suo bilancio, tipico di una città di 80 mila abitanti: una settantina di milioni di euro, venti dei quali coperti con l' Ici.

Fra le uscite, notiamo i tre milioni per la cultura. Ma come, sindaco, anche voi a Varese buttate i soldi pubblici nelle effimere "notti bianche" ?
"Soltanto per gli straordinari dei vigili", assicura Fontana, "tutto il resto è coperto da sponsor privati. Che ci hanno finanziato all' 88 per cento anche le tre mostre dell' ultimo anno: costavano un milione, noi abbiamo messo soltanto 120 mila euro. Quella sul Caravaggio ci è costata solo 10 mila euro. Io faccio di tutto per trovare sponsor... Dico a una banca: vengo alla vostra inaugurazione, ma in cambio sponsorizzateci per 50 mila euro...".

Problemi opposti a Taranto, prima città d' Italia a finire in bancarotta due anni fa con un debito di 637 milioni: il più alto al mondo dopo quello di Seattle (Stati Uniti). Il nuovo sindaco Stefàno, pediatra prestato alla politica, ha rinunciato allo stipendio e ha dimezzato quello di assessori e consiglieri comunali. "Uno dei risparmi più grossi l' ho ottenuto eliminando le spese di "relazioni pubbliche": 200 mila euro...".

Ecco, se tutti i comuni d' Italia seguissero il suo esempio, le spese calerebbero, le tasse pure, e il nostro Paese non avrebbe il macigno di 1.600 miliardi di debito pubblico, che ci costringe a pagare 70 miliardi annui solo di interessi. Rispetto a questa cifra, i due miliardi dell' Ici abolita sono briciole.

Mauro Suttora

3 comments:

gruppo san francesco said...

IL COMUNICATO STAMPA CHE CI ASPETTIAMO DAL PRESIDENTE–IMPRENDITORE SILVIO BERLUSCONI

Con l’ investimento di appena 80 milioni di €, pari al 50% del costo dei nuovi filtri necessari all’ obsoleto termovalorizzatore di Acerra, il presidente Berlusconi ha ordinato un primo lotto di 40 impianti THOR capaci complessivamente di trasformare senza inquinare, per ogni ora lavorativa, 320 tonnellate di rifiuti in preziose materie prime ed in materiale altamente energetico.
Alle popolazioni sul cui territorio è stato chiesto di aprire una discarica per superare l’ attuale emergenza il presidente Berlusconi ha fatto giungere, tramite le televisioni locali, la parola del dr. Paolo Plescia, ricercatore del Centro Nazionale delle Ricerche, che ha illustrato l’ efficacia degli impianti THOR ed ha assicurato che i rifiuti indifferenziati saranno trasformati in materie prime ed in materiale energetico entro alcuni mesi.
Il dr. Paolo Plescia ha spiegato che l’ apertura delle discariche è momentanea, poiché dopo sei mesi dall’ ordine, arriveranno i THOR che, essendo trasportabili, saranno collocati nelle prossimità delle discariche sino ad eliminare innanzitutto tutti i rifiuti giacenti.
Numerosi posti di lavoro saranno creati, e l’ immondizia, che prima era una maledizione, sarà trasformata in ricchezza da collocare sul mercato. Non è stato necessario il ricorso alla polizia per aprire discariche momentanee, poiché come precedentemente avvenuto da Vespa con il contratto con gli Italiani, Berlusconi ha mostrato il contratto dell’ ordine dei 40 THOR essendo determinato a risolvere l’ emergenza rifiuti a Napoli e provincia in modo definitivo e remunerativo grazie alla tipica cultura imprenditoriale.
Il Presidente Berlusconi dai rifiuti estrarrà ricchezza, creerà nuovi posti di lavoro, farà conoscere l’ efficacia degli impianti Italiani THOR in tutto il mondo e porrà fine all’ incubo dei rifiuti a Napoli e provincia .
Francesco Miglino
Gruppo san Francesco

PARTITO INTERNETTIANO
Via Torelli Viollier, 33 - 20125 MILANO
www.partitointernettiano.it - partint2004@tiscali.it

Tiziano Tescaro said...

Anche sul mio stò trattando un post sull’abolizione dell’Ici sal titolo “LA TRAPPOLA DELL’ABOLIZIONE ICI” ho in programma anche di realizzare delle interviste, e mi farebbe piacere avere un vostro commento. Vi aspetto e buona giornata da Tiziano

Celeste said...

Keep up the good work.