Sunday, April 22, 2007

Benvenuti a radioVespa

Bruno Vespa e il figlio Federico conducono un programma di storia su Rtl

Roma, 17 aprile 2007 - Oggi

Vanno d’accordo su tutto tranne la Roma e l’Afghanistan. Vespa padre e figlio: 63 anni Bruno, 28 Federico, 35 in mezzo. Raccontano e discutono di storia italiana ogni venerdì mattina sulla radio Rtl 102.5, dalle 8 alle 9. Un anno alla settimana. Hanno cominciato con il 1979, quand’è nato Federico, ora sono al 1984. Andranno quindi avanti per parecchi mesi.

Li incontriamo a casa Vespa, un attico stupendo vicino a Trinità dei Monti, terrazza con vista fra le più belle di Roma. «L’ho presa in affitto da ottobre, prima stavamo sul Lungotevere dei Mellini», dice Bruno. Sono le nove del mattino, lui è in giacca blu e cravatta rosa, telegenico e già pronto per il suo Porta a Porta serale (che viene registrato poche ore prima dell’andata in onda).

Il figlio Federico invece comincia alle 11 il turno giornaliero di otto ore alla radio, dov’è stato assunto da poco con un contratto temporaneo. La sera prima la sua Roma ha perso sette a uno col Manchester, l’umore è quello che è. Papà Bruno sorride: «Oggi mi sento molto solidale con lui anche se, essendo nato all’Aquila, sono juventino. Gli abruzzesi tifano prevalentemente per le squadre del Nord: Roma e Lazio per noi non esistono».

Si affaccia in sala per un attimo mamma Vespa: Augusta Iannini, magistrato, direttore generale al ministero della Giustizia. Saluta, le proponiamo di unirsi per qualche foto. Declina sorridendo e scappa via. L’altro figlio Alessandro, 26 anni, è a Londra a studiare l’inglese.

«Quando mio padre mi ha chiesto se mi andava di fare un programma radio con lui, pensavo scherzasse», racconta Federico. «Più che un’idea all’inizio era un gioco», precisa Bruno. «Credevo che lui mi mandasse subito a pedalare. Invece, con mia grande sorpresa, l’ha condivisa. E per me è stato un graditissimo ritorno al primo amore, la radio, dove avevo cominciato a lavorare subito dopo avere vinto il concorso Rai del 1968».

Padre e figlio che si confrontano sulla storia contemporanea: evento unico per una radio a livello europeo, forse mondiale. All’età di Federico, Bruno Vespa era già un giornalista affermato, e pochi anni dopo si sarebbe confrontato con l’evento più difficile e doloroso della sua carriera: il delitto Moro del ’78.

«Per fortuna abbiamo cominciato questa nostra trasmissione con l’anno seguente», dice Bruno, «anche se al rapimento Moro abbiamo accennato di sfuggita. Finora l’avvenimento che ha suscitato il maggior interesse negli ascoltatori, con un numero di telefonate pari a quello per i Mondiali di Spagna, è stato l’assassinio di Carlo Alberto Dalla Chiesa dell’82. C’è ancora un grande ricordo per quel generale, che ha sorpreso anche me».

Federico si è laureato in legge nel 2005: «Volevo fare l’avvocato, ho cominciato la pratica legale in uno studio. Contemporaneamente, però, continuavo con l’hobby di sempre: commentare il calcio a Radio Spazio Aperto, due ore al giorno con Ennio Abbondanza. Dopo sei mesi mi sono accorto che il lavoro di penalista non fa per me: troppi rinvii ed espedienti tecnici. In aula a pronunciare una bella arringa si arriva solo tre-quattro volte all’anno, tutto il resto è routine. Così ho insistito con la radio, e devo ringraziare sia Radio 101 che mi fece esordire con le cronache delle partite della Roma, sia Rtl dove dopo un anno e mezzo mi hanno offerto il primo contratto nella redazione di Roma. Quanto al mio cognome, tutti pensano che sia stato assunto per questo. E fanno bene a pensarlo, lo penserei anch’io se non sapessi che sono passato attraverso la gavetta per dimostrare di essere valido».

«Gli ho fatto un lavaggio del cervello durato anni per dissuaderlo dal fare il giornalista», dice papà Bruno, «perché è un mestiere complicato e con molte frustrazioni. Ma, giustamente, i consigli dei padri sono fatti per non essere seguiti...». E oggi come giudica suo figlio, professionalmente? «Possiede un buon ritmo radiofonico, da radiocronista, anche se ha il difetto di parlare troppo veloce». E nella vita? «È allo stesso tempo generoso ed egoista, caratteristiche che non sono in contraddizione: generoso con gli altri, ma a casa si mette sempre al centro delle attenzioni domestiche».

E infatti il quasi trentenne Federico, come la stragrande maggioranza dei suoi coetanei italiani, nonostante l’indipendenza economica raggiunta con lo stipendio si guarda bene dal lasciare la cuccia di mamma e papà: «Se con i genitori ci si trova bene, in un ambiente caldo e protetto, perché andarsene prima di avere trovato la donna con cui iniziare un’altra famiglia?».

Il tipico mammone italiano. Vespa senior lo inviterebbe a Porta a Porta se non fosse suo figlio, in una puntata sui giovani? «Mah, gran parte dei nostri ospiti sono predeterminati, quasi obbligati. E poi anche lui, come quasi tutti i suoi coetanei, schematizza molto: ha opinioni coinvolgenti ma poco approfondite».

Per esempio? «Nella puntata della nostra trasmissione sul 1980, strage di Bologna, Federico era convinto che i terroristi condannati siano in realtà innocenti. Hai voglia a spiegargli che le sentenze, finché ci sono, vanno rispettate...». «Ma quella è solo una verità: quella giudiziaria», replica subito Vespa junior.

Un altro tema caldo è quello delle guerre in Iraq e Afghanistan. Federico Vespa è nettamente contrario: «E non perché sia di sinistra, anzi non ho neppure votato Prodi. Ma sono convinto che da Kabul sia meglio andarsene: sarebbe una soluzione pratica e dignitosa per non farsi ricattare. E anche in Libano, non c’è proprio bisogno dei nostri soldati. Non abbiamo motivo di stare in terre altrui, dando ai terroristi pretesti per attaccarci».

La lite più furibonda a casa Vespa, però, si è consumata quella mattina in cui Federico si rifiutò di alzarsi per andare al liceo: «Decisi che non ne potevo più di greco e latino, che volevo lavorare». Come finì? «Lo presi in parola, e chiesi subito al benzinaio di piazza Mazzini se aveva bisogno di un aiuto», racconta Bruno, «poi ripiegai su un idraulico che stava lavorando nel nostro palazzo». Risultato: «Quando l’idraulico mi disse che l’orario di lavoro era dalle sei del mattino alle otto di sera, tentennai», confessa Federico, «e alla fine optai per un trasferimento dal liceo classico allo scientifico. Scoprendo che matematica e chimica erano ancora peggio di greco e latino».

Ma i due Vespa la guardano Porta a Porta, a casa la sera? Bruno: «No, non mi riguardo quasi mai. E sbaglio, perché mi accorgerei dei miei errori». Federico: «Raramente. Certo non quando si parla di diete. Solo se ci fosse un bel dibattito, a livello D’Alema-Fini. Altrimenti, meglio i gialli di Carlo Lucarelli».
E i libri annuali di Vespa senior, ti servono almeno per la trasmissione? «Ammetto che di mio padre ho letto soltanto la Storia d’Italia da Mussolini a Berlusconi. E solo perché devo prepararmi per Rtl...».

Mauro Suttora

4 comments:

ninest123 said...

louis vuitton, longchamp pas cher, oakley sunglasses, louboutin outlet, replica watches, oakley sunglasses, louis vuitton, nike free, louis vuitton, ugg boots, oakley sunglasses, ray ban sunglasses, longchamp, ray ban sunglasses, cheap oakley sunglasses, kate spade outlet, prada outlet, polo ralph lauren outlet, louis vuitton outlet, longchamp outlet, replica watches, louboutin, christian louboutin outlet, air max, gucci outlet, air jordan pas cher, nike roshe run, oakley sunglasses, tory burch outlet, ralph lauren pas cher, nike air max, jordan shoes, nike air max, louis vuitton outlet, polo ralph lauren outlet, prada handbags, michael kors, uggs on sale, chanel handbags, louboutin shoes, ray ban sunglasses, nike outlet, longchamp outlet, tiffany jewelry, nike free, louboutin pas cher, sac longchamp, ugg boots, tiffany and co, burberry

ninest123 said...

kate spade handbags, tn pas cher, lacoste pas cher, michael kors outlet, michael kors, michael kors, timberland, vanessa bruno, michael kors outlet, true religion jeans, coach outlet, true religion jeans, oakley pas cher, burberry outlet online, nike roshe, michael kors outlet, nike air max, true religion jeans, coach outlet, new balance pas cher, nike free run uk, north face, michael kors outlet, sac guess, north face, nike air max, michael kors, lululemon, coach purses, michael kors, hogan, burberry, mulberry, nike air max, hollister, converse pas cher, abercrombie and fitch, vans pas cher, michael kors outlet, replica handbags, ray ban uk, ralph lauren uk, true religion outlet, ugg boots, ray ban pas cher, nike blazer, ugg boots, hermes, hollister pas cher, air force

ninest123 said...

reebok shoes, hollister, soccer shoes, ralph lauren, gucci, babyliss, lululemon, herve leger, louboutin, birkin bag, lancel, jimmy choo shoes, nike huarache, bottega veneta, soccer jerseys, vans shoes, hollister, baseball bats, new balance, ghd, iphone cases, nike air max, giuseppe zanotti, chi flat iron, north face outlet, vans, ray ban, timberland boots, p90x workout, abercrombie and fitch, insanity workout, ferragamo shoes, wedding dresses, nike roshe, hollister, asics running shoes, longchamp, celine handbags, instyler, oakley, nfl jerseys, mcm handbags, converse outlet, beats by dre, mont blanc, valentino shoes, nike trainers, mac cosmetics, north face outlet, nike air max

ninest123 said...

ugg,uggs,uggs canada, wedding dresses, louis vuitton, pandora charms, pandora jewelry, louis vuitton, marc jacobs, moncler outlet, moncler, canada goose, supra shoes, canada goose uk, moncler, links of london, moncler, karen millen, moncler, toms shoes, pandora jewelry, doudoune canada goose, replica watches, moncler, juicy couture outlet, moncler, swarovski crystal, canada goose, pandora charms, juicy couture outlet, canada goose, coach outlet, bottes ugg, louis vuitton, ugg,ugg australia,ugg italia, thomas sabo, swarovski, canada goose outlet, montre pas cher, louis vuitton, ugg boots uk, canada goose, hollister, canada goose outlet, sac louis vuitton pas cher, moncler, ugg pas cher