Wednesday, June 14, 2006

Scadono i termini per i bond argentini

Sveglia, a dicembre scatta la prescrizione: non si potrà più farsi rimborsare dalle banche

Oggi, 14 giugno 2006

Settecentomila euro dalla Banca di Desio: questo è (per ora), il record italiano di rimborso per la truffa dei titoli di stato argentini. Li ha ottenuti per conto di un industriale milanese, l’avvocato di Formia (Latina) Angelo Castelli, docente di diritto finanziario all’università di Cassino. «E il 30 maggio il tribunale di Roma mi ha dato ragione su altre sette cause per 600 mila euro, contro il Montepaschi di Siena, la Cassa di risparmio di Padova e Rovigo, il San Paolo, la Banca del Fucino e la Banca delle Marche», annuncia l’avvocato.

Salgono così a 38 i processi che ha vinto, per un totale di cinque milioni di euro, su un migliaio che ne ha intentati a banche italiane, colpevoli di avere venduto titoli argentini ai loro clienti senza informarli del rischio. Altre 360 cause simili sono state vinte da altri legali per un totale di circa 400 iniziative coronate da successo.

«Tango Bond»: niente a che fare con la danza o con l’agente 007. Questa è solo l’incredibile vicenda del crac finanziario più grosso dai tempi di Wall Street del 1929, che ha alleggerito 450 mila risparmiatori italiani di quasi 15 miliardi di euro. Trentamila miliardi di lire, una cifra immensa persa per lo più da investitori del nord, non particolarmente esperti di questioni finanziarie, che si sono lasciati convincere dai consigli delle proprie banche. E ora sono gli istituti di credito a pagare, in mancanza di un rimborso da parte del governo argentino.

«Ma chi vuole ottenere giustizia, recuperando non solo tutto il capitale investito ma anche gli interessi e le spese legali, deve spicciarsi», avverte l’avvocato Castelli. «Fra sei mesi, infatti, scatterà la prescrizione e non sarà più possibile far causa alle banche per “omessa o carente informativa sul rischio”. Sono passati cinque anni, infatti, dal crac che venne annunciato dall’Argentina nel dicembre 2001».

Qualche decina di migliaia di truffati ha aderito al premio di consolazione concesso dal governo di Buenos Aires: rimborso del trenta per cento del capitale investito, ma senza interessi e soprattutto con scadenza fra vent’anni. Insomma, soltanto una mancetta per i propri figli. «Però anche chi ha accettato questa offerta può far causa alla propria banca per il restante 70 per cento», precisa Castelli.

Trecento fra i 70 mila risparmiatori coinvolti nel crac Cirio e i centomila della Parmalat si sono rivolti a Castelli, ma in questi casi la percentuale di vittorie è assai minore: solo quattro sentenze favorevoli, finora. Sono infatti ancora in corso i processi penali, ed è più difficile arrivare a una sentenza. «Invece nel caso dell’Argentina si è ormai formata una giurisprudenza consolidata per cui le banche non potevano non sapere del rischio di quei bond che hanno rifilato ai propri clienti», dice Castelli, «perché già dagli anni Novanta le agenzie di rating davano a quel Paese il livello B, e non certo le A, doppie A e triple A degli investimenti sicuri».

Ma non c’è stata, chiediamo, una certa ingenuità da parte dei risparmiatori, magari attratti dagli alti tassi d’interesse promessi? «Il regolamento della Consob è chiaro. Le banche devono informare esplicitamente dei rischi cui si va incontro, e non limitarsi a una dizione generica come “operazione a rischio”. Quindi chi non è stato informato per iscritto, chi non ha firmato fogli in cui c’erano avvertimenti dettagliati e ha tenuto la documentazione dell’investimento, può fare causa. C’è poi stato un conflitto d’interessi degli stessi istituti. In molti casi, infatti, essi avevano già in cassaforte quei titoli e poi li hanno rivenduti ai clienti senza far loro firmare alcuna liberatoria. In questo caso hanno lucrato due volte: rivendendo il titolo e attraverso le commissioni che tali vendite comportano. Difendo risparmiatori del Veneto, nella provincia di Treviso, che hanno perso addirittura tre-quattro milioni di euro ciascuno. Un’altra aggravante per alcune nostre grandi banche come la ex Comit, è che esse stesse operavano in Argentina, ed erano addirittura proprietarie della terza banca più grande a Buenos Aires».

Gli istituti di credito ora propongono ai clienti danneggiati di rivalersi contro il governo argentino. «Quella dell’Abi, l’Associazione banche italiane, è un’azione internazionale dal risultato incerto, perchè non esistono precedenti. E poi, anche se fra vari anni si vincesse, quali beni potranno essere pignorati? L’Argentina in Europa non ne ha, e le ambasciate godono dell’immunità diplomatica. Rischia di essere un diversivo fuorviante per acquietare i clienti, e intanto far passare il tempo fino alla prescrizione che scatterà in dicembre».

Qualcuno sostiene che per questi reati la prescrizione è di dieci anni, non di cinque. «Ma è un orientamento minoritario, di pochissimi tribunali. Viceversa, grazie alla nuova legge societaria le cause sontro le banche si sono rivelate relativamente veloci, perché sono tutte documentali, senza bisogno di testimonianze. In due anni in media si arriva alla sentenza, che è esecutiva già in primo grado, senza più possibilità di appelli dilatori. Per questo ormai le banche mi propongono accomodamenti per cifre rilevanti».

Le ultime obbligazioni argentine emesse nel 2000 e 2001 sono di rimborso più facile, visto che le agenzie internazionali le dichiararono «spazzatura»? «No, ci sono sentenze che riconoscono la colpa delle banche anche per i bond emessi in precedenza». E la legge di tutela del risparmio tante volte promessa, potrebbe risolvere questi problemi? «Per il futuro, certamente sì. Ma per più di mezzo milione di italiani già truffati, l’unico modo di rivalersi è portare le banche in tribunale».

Mauro Suttora

0 Comments:

Post a Comment

<< Home