Saturday, September 22, 2018

Grillini e preservativi


I CINQUESTELLE SI OCCUPANO DI PRESERVATIVI

di Mauro Suttora

Libero, 22 settembre 2018

La democrazia diretta dei grillini? Funziona. Ma solo sui preservativi. In questi giorni tutti gli iscritti al Movimento 5 stelle (M5s) hanno ricevuto una mail dalla società Casaleggio & associati per dirimere una questione fondamentale: è giusto che i profilattici abbiano l’Iva al 22%, o sarebbe meglio ridurla al 10%?

Non stiamo scherzando. Il senatore grillino Gaspare Antonio Marinello, 63enne dottore all’ospedale di Sciacca (Agrigento), forse per sfuggire alla noia dei parlamentari peones, ha presentato una proposta di legge di due articoli per abbassare la tassa sui preservativi.

Nobili le sue motivazioni: «Sono  357 milioni le nuove infezioni sessuali ogni anno, di cui una su quattro su quattro rappresentate da: clamidia, gonorrea, sifilide e tricomoniasi. Un adolescente su venti presenta un’infezione batterica di questo tipo», scrive nella lunga relazione che è stata pubblicata dalla piattaforma Rousseau, massimo (e unico) organo decisionale del primo partito italiano.

Il senatore è preoccupato: «La distinzione tra contraccezione e prevenzione non è sempre chiara tra i giovani. Il 70% usa il profilattico come strumento di prevenzione, ma il 17% dichiara di ricorrere alla pillola anticoncezionale, collocandola erroneamente tra gli strumenti di prevenzione».

Quindi, più preservativi per tutti: «Nonostante siano considerati dispositivi medici, il prezzo in Italia continua ad essere molto elevato a causa, anche, dell’Iva applicata al 22%». Soluzione: aliquota agevolata al 10%.

Fra due mesi tutti i cittadini aderenti al M5s potranno democraticamente votare sulla proposta del senatore Marinello. Di nuovo sovrani sul proprio destino di consumatori di preservativi. E se il voto online avrà esito positivo, il prezioso disegno di legge verrà depositato in senato.

Sulla piattaforma Rousseau si è già acceso il dibattito: «Ma con tutti i mega problemi che ci sono, infinitamente più seri e importanti, ai preservativi ha pensato?! Non aggiungo altro…», scrive l’iscritto Andrea Ferruccio Chiarini.

Gli risponde Massimiliano Milazzo: «Il fatto che esistano problemi più gravi non significa che non debbano essere affrontati anche quelli più piccoli».

Obietta il tradizionalista Filippo Dalla: «Non credo che l'abbassamento dell'iva sui preservativi sia la via giusta per combattere le malattie sessualmente trasmissibili. Una buona formazione su una sessualità ordinata (non certo incentivando la promiscuità sessuale) e un cammino sull'affettività (più che sul sesso) potrebbero fare molto di più. Vi suggerisco inoltre di approfondire il discorso sui metodi naturali, che non costano nulla».

Più concreto Maurizio Barzi: «Sono contrario, non credo che diminuire in modo molto marginale il prezzo dei preservativi aiuti. Piuttosto, sarei per investire la stessa cifra, con le stesse coperture, in educazione sessuale. Non credo che le persone che oggi non comprano i preservativi perchè costano 10 euro li comprino perchè dopo costeranno 8».

Romano Racanella invita i senatori grillini a coordinarsi: «Facciamo una legge unica per Iva agevolata per prodotti per l’infanzia, preservativi, medicine, e poi parlatevi tra di voi: Pierpaolo Sileri propone la stessa cosa per prodotti per l’igiene intima femminile».

E mentre i senatori grillini si dilettano con gli assorbenti per le signore, i loro capi si guardano bene dal far votare la mitica «base» dei cittadini su argomenti più scottanti come Ilva, Tav o Tap: lì potrebbero avere sgradevoli sorprese.
Mauro Suttora




No comments: