Wednesday, October 17, 2012

Schwarzenegger ora frigna

«Avevo paura di Maria, non le dicevo nulla. Temevo le sue scenate, e che il clan Kennedy mi bloccasse la carriera politica»: incredibile confessione dell’attore più macho del mondo

Los Angeles (Stati Uniti), 10 ottobre 2012

di Mauro Suttora

E pensare che pochi anni fa i repubblicani americani volevano addirittura cambiare la Costituzione, per poterlo eleggere presidente degli Stati Uniti. Infatti Arnold Schwarzenegger aveva trionfato nelle elezioni a governatore della California, 56% dei voti.

Terminator era al suo massimo. Dopo avere sbancato i botteghini di tutto il mondo (i suoi film, da Conan all’Implacabile all’Eliminatore, hanno incassato tre miliardi di dollari in un quarto di secolo), Schwarzy si era dato alla politica. E aveva vinto anche lì, nella sua terza incarnazione dopo quelle di culturista e attore. Peccato solo che i presidenti americani debbano essere nati negli Stati Uniti, altrimenti i repubblicani avrebbero schierato il loro Ultimo grande eroe anche contro Barack Obama.

Fa quindi impressione, adesso, veder piagnucolare questo 65enne in tv. Muscoli sgonfiati, pelle della faccia tirata da sconsiderati lifting. E lui vorrebbe recitare la parte del marito-martire, intervistato nel programma più importante d’America,60 Minutes sulla Cbs.

L’occasione è la sua autobiografia, appena pubblicata. Dove Arnold confessa tutto: le corna seriali all’ex moglie Maria Shriver Kennedy, il figlio segreto nato nel 1998 dalla colf messicana Mildred Baena, l’avventura con Brigitte Nielsen allora moglie del suo grande amico Sylvester Stallone (col quale è appena tornato a recitare nei due film I mercenari).

In tv fa la vittima

Fin qui, niente di strano. Fa parte della liturgia vip americana il guadagnare ulteriori milioni con un libro in cui si ammette molto. Ma è il modo che ha sorpreso i telespettatori. Di fronte all’intervistatrice Lesley Stahl («acciaio» in tedesco)
il superuomo si è messo a frignare: «Avevo così paura di Maria che non osavo mai dirle nulla sulle decisioni più importanti della mia vita: l’operazione al cuore, o la candidatura a governatore. Ero terrorizzato dalle sue scenate, o che chiedesse al suo potentissimo clan Kennedy di bloccare la mia carriera politica nel partito avversario».

La navigatissima intervistatrice «Acciaio», settantenne, non crede alle sue orecchie e sgrana gli occhi: «Come, lei Schwarzenegger, l’attore più muscoloso del pianeta, mi sta dicendo che in realtà era vittima di sua moglie?»

In effetti, è forte il sospetto che ancora una volta Arnold stia recitando un copione. D’altronde, non si chiamava True lies (Bugie vere) un suo famoso film del 1994?

In ogni caso, se Schwarzenegger ora vuole farci credere che la vera vittima all’interno della coppia era lui, e che il vero bulldog era lei, l’incubo è finito. Da un anno e mezzo quella che era considerata una delle coppie più potenti e glamour d’America ha divorziato.

Da anni, comunque, Schwarzy era nel mirino dei pettegolezzi. Le donne che lo accusavano di palpeggiamenti o avances pesanti sbucavano a ritmo costante. Ma ogni volta lui smentiva, lei chiudeva un occhio (anche due), e le presunte vittime facevano marcia indietro, probabilmente zittite da cospicui indennizzi.

A casa ogni sera

Maria faceva la gelosa? E lui tornava ogni sera a dormire a casa a Los Angeles da Sacramento, la capitale della California dove ha lavorato dal 2003 al 2011: 900 chilometri al giorno di jet privato.

Maria, figlia di Eunice Kennedy (sorella del presidente John e di Bob) e di Sargent Shriver, candidato vicepresidente democratico nel 1972 (battuto da Richard Nixon), è stata un’importante conduttrice tv prima di abbandonare il giornalismo per il conflitto d’interessi con il marito che si era dato alla politica.

Si erano conosciuti nel ’77 e sposati nell’88. Hanno quattro figli: la più grande è 22enne, il più piccolo solo cinque.

Possibile che Maria abbia un carattere così forte da intimorire perfino Schwarzenegger? Chi li conosce non lo esclude, ma il privato di ogni coppia è imperscrutabile.

In ogni caso, la fama di traditore seriale di Arnold è stata confermata nell’autobiografia. Compresa l’avventura più clamorosa, quella del 1985 con Brigitte Nielsen (separata da Stallone due anni dopo) che l’enorme attrice danese aveva già confessato.
Mauro Suttora


I MASCHI VITTIMISTI? TERRIFICANTI

«Capita spesso, purtroppo. Anche in Italia. Il fenomeno degli uomini che frignano è terrificante». Così Alba Parietti commenta il “caso Schwarzegger”.

«Per lui la spiegazione è evidente, quasi psichiatrica. Basta guardarlo. Un uomo che ha basato tutta la vita sull’immagine di macho non può che rivelarsi un fragile.
I muscoli abnormi dimostrano l’esatto contrario della forza che vorrebbero esibire. Chi ha bisogno di pomparsi, in tutti i campi, è un debole.

Oltretutto i culturisti risultano anche poco maschili, agli occhi delle donne. Che badano al contenuto. E nel caso di Schwarzy il contenuto è misero: il solito marito, schiacciato dalla personalità della moglie, il quale per consolarsi non trova di meglio della colf. Ha fatto male a sposare una Kennedy: più che aiutarlo, quel cognome lo ha penalizzato»

3 comments:

Anonymous said...

ahahah! ci vedo un pò d'invidia, chi te lo ha detto che le donne guardano al contenuto? forse che gli uomini non preferiscono le bionde anche se sono un pò vuote? e poi con quel contenuto è riuscito a diventare governatore :))
orietta

mauro suttora said...

invidia per i suoi $. ciao orietta

Anonymous said...

Brokersring.com - Learn how to turn $500 into $5,000 in a month!

[url=http://www.brokersring.com/]Make Money Online[/url] - The Secret Reveled with Binary Option

Binary Options is the way to [url=http://www.brokersring.com/]make money[/url] securely online