Wednesday, December 22, 2010

La guerra mondiale di Wikileaks

Ecco perché i corsari informatici sono forti e imprendibili

di Mauro Suttora

Oggi, 15 dicembre

È scoppiata la terza guerra mondiale e non ce ne siamo accorti? Da quando, il 28 novembre, Wikileaks ha cominciato a svelare i 251 mila cablogrammi segreti inviati negli ultimi anni dai diplomatici degli Stati Uniti in tutto il mondo, ogni giorno scoppia un putiferio. Perché, molto furbamente, i seguaci di Julian Assange hanno deciso di centellinare le rivelazioni. L’ultima, che ha provocato grande costernazione in Vaticano, riguarda il segretario di Stato Tarcisio Bertone, numero due del Papa, definito «inadeguato» dai diplomatici americani. Ma molti altri imbarazzanti segreti verranno alla luce nelle prossime settimane: basti dire che finora sono stati pubblicati appena 1.340 documenti sul quarto di milione in possesso dei pirati informatici.

“Pericolosi come Osama”

Ma come funziona Wikileaks? E chi c’è dietro a questi «guerrieri della trasparenza» che il ministro degli Esteri Franco Frattini ha definito «pericolosi quanto Osama Bin Laden»? Diciamo subito che, proprio come Al Qaeda, la struttura di Wikileaks è decentrata. Si illudono, quindi, coloro che pensano di bloccarla incarcerando il capo, Assange, o chiudendo fisicamente i computer. I due server ospitati a Stoccolma nel bunker antiatomico della società Prq, infatti, sono solo una goccia nel mare di internet.

Qualche nostro tg li ha mostrati, spacciandoli per il «cervello» di Wikileaks. Ma è solo sensazionalismo. Quella stessa società, infatti, ospita altri 8mila server. E Wikileaks può contare su centinaia di «siti-specchio» che entrano automaticamente in funzione appena ne viene disattivato uno. Lo stesso Assange ha avvertito: «Altre centinaia di militanti, oltre a me, posseggono l’intero file di 251 mila documenti, e lo rilasceranno se dovesse capitarmi qualcosa».

“Contenuto esplosivo“

Ma qual è il vero valore di questi documenti segreti? È vero che riscrivono la storia contemporanea, o sono soltanto una rimasticazione di articoli di giornale copiati da pigri incaricati di affari nelle ambasciate? In alcuni casi il contenuto è esplosivo, e quindi e' giusto il paragone con una guerra mondiale. Non però la terza: quella è già stata vinta dall’Occidente contro il comunismo nel 1989. E neanche la quarta, cominciata nel 2001 con l’attacco alle Torri gemelle da parte dei fanatici islamici, e ancora in corso. È la quinta o sesta, assieme all’altro grande conflitto dei nostri giorni: quello fra mondo libero e Cina.

Però i ragazzi di Wikileaks sono occidentali, quindi la definirei una guerra civile, anche se nonviolenta. È un conflitto interno alle democrazie, fra chi pensa che anche i nostri stati debbano conservare segreti, e chi invece vuole esporre tutto.

Non dimentichiamo però che fra i fondatori di Wikileaks, nell’ottobre 2006, ci sono anche importanti dissidenti cinesi: Wang Dan, leader degli studenti di Pechino massacrati in piazza Tian an men nell’89, e Xiao Qiang. Inizialmente, quindi, l’intento di Assange e soci era quello di smascherare i segreti di tutti i governi. Ed è ovvio che le dittature ne hanno molti di più, e più sanguinosi, dei regimi democratici.

Perché, allora, quasi tutte le rivelazioni finora riguardano gli Stati Uniti? Prima ci fu il filmato in cui si vedono le truppe Nato uccidere un giornalista in Afghanistan. Poi, l’estate scorsa, i documenti del Pentagono con l’ammissione ufficiale di avere ammazzato 60 mila civili innocenti nella guerra d’Iraq. E se dietro Wikileaks ci fosse la Cina o la Russia, o qualche altro avversario degli Usa?

Non credo che gli hackers di Wikileaks siano manipolati. Politicamente sono anarchici che si battono contro il potere a 360 gradi. Hanno già preannunciato rivelazioni sulle grandi banche. E se avessero documenti segreti cinesi sulla repressione in Tibet o contro Falun Gong, non esiterebbero a divulgarli. Il problema è che finora non c’è stato nessun funzionario pentito di Pechino che gliel’ha passati.

Sì, perché in realtà Wikileaks non ha mai rubato alcun documento. Si limita, come da statuto, a pubblicare, dopo averli verificati, quelli in arrivo (gratis) da persone che per un qualsiasi motivo decidono di tradire il vincolo di segretezza che li lega all’organizzazione per cui lavorano. Quindi, il vero colpevole dell’attuale terremoto è il soldato americano 22enne che ha passato i files ad Assange, e che è in carcere per spionaggio.

Giuridicamente, Wikileaks è colpevole di un unico reato: ricettazione. Magari di ricettazione attiva, o di istigazione al furto e allo spionaggio, perché invita pubblicamente i dipendenti pentiti a rivelare le magagne della propria azienda, o ministero. E si può immaginare quanti siano coloro disposti a farlo, magari per vendicarsi di essere stati licenziati, o frustrati per una mancata promozione o aumento di stipendio... E sapere che c’è lì Wikileaks pronta a fare giustizia rappresenta un incentivo formidabile.

Coinvolgere i principali giornali mondiali è stata la mossa più intelligente di Assange. Li ha coinvolti - ed è preoccupante che ce ne sia uno spagnolo, El Pais, ma nessuno italiano - ottenendo così una patente di veridicità che non avrebbe avuto da solo. Li ha anche messi uno contro l’altro, suddividendo equamente il materiale. Cosicché, per la legge della concorrenza, nessuno si è sognato di censurare parzialmente o di non pubblicare: lo avrebbe fatto qualcun altro.

Il direttore del New York Times Bill Keller ha fatto vedere i documenti al governo Usa prima di pubblicarli, e ha cancellato alcuni nomi. Il NY Times è il più esposto, perché è l’unico giornale americano. Ma, a proposito di mandanti, non mi meraviglierei se dietro alla fuga di notizie più imponente della storia ci fosse qualche repubblicano che vuole danneggiare il presidente Obama e Hillary Clinton.

Mauro Suttora

5 comments:

Miss Welby said...

articolo molto istruttivo, anch'io sono un sostenitore di wikileaks.

attenzione però che cominci un paragrafo con “Pericolosi come oBama” mentre poi giustamente scrivi Frattini avere detto "oSama"

ninest123 said...

air max, longchamp, louis vuitton, louis vuitton, burberry, cheap oakley sunglasses, gucci outlet, nike free, ray ban sunglasses, tiffany and co, nike free, tiffany jewelry, air jordan pas cher, oakley sunglasses, uggs on sale, longchamp outlet, louis vuitton outlet, louis vuitton, jordan shoes, replica watches, oakley sunglasses, polo ralph lauren outlet, longchamp outlet, nike outlet, prada handbags, michael kors, nike air max, oakley sunglasses, ray ban sunglasses, chanel handbags, longchamp pas cher, tory burch outlet, sac longchamp, kate spade outlet, ray ban sunglasses, louboutin outlet, christian louboutin outlet, prada outlet, louboutin shoes, replica watches, louis vuitton outlet, nike roshe run, ugg boots, oakley sunglasses, louboutin, polo ralph lauren outlet, ralph lauren pas cher, nike air max, louboutin pas cher, ugg boots

ninest123 said...

michael kors outlet, north face, hogan, abercrombie and fitch, true religion outlet, mulberry, burberry outlet online, hollister, michael kors outlet, air force, kate spade handbags, true religion jeans, ugg boots, vanessa bruno, michael kors outlet, ray ban pas cher, true religion jeans, ralph lauren uk, oakley pas cher, coach outlet, sac guess, vans pas cher, replica handbags, michael kors, converse pas cher, tn pas cher, lacoste pas cher, north face, lululemon, true religion jeans, michael kors, burberry, nike air max, michael kors outlet, coach purses, coach outlet, timberland, nike air max, michael kors, ray ban uk, ugg boots, nike free run uk, nike blazer, nike roshe, nike air max, michael kors, new balance pas cher, michael kors outlet, hermes, hollister pas cher

ninest123 said...

beats by dre, gucci, valentino shoes, timberland boots, vans, hollister, iphone cases, nike roshe, new balance, longchamp, reebok shoes, asics running shoes, ralph lauren, louboutin, celine handbags, lancel, soccer shoes, converse outlet, nike air max, herve leger, vans shoes, nike huarache, north face outlet, insanity workout, oakley, instyler, ray ban, mac cosmetics, birkin bag, jimmy choo shoes, nike trainers, abercrombie and fitch, hollister, wedding dresses, p90x workout, mcm handbags, baseball bats, chi flat iron, soccer jerseys, hollister, nike air max, nfl jerseys, ferragamo shoes, lululemon, bottega veneta, ghd, babyliss, north face outlet, converse, mont blanc

ninest123 said...

ugg pas cher, moncler, moncler, canada goose, pandora charms, hollister, ugg,uggs,uggs canada, marc jacobs, thomas sabo, sac louis vuitton pas cher, doudoune canada goose, ugg boots uk, louis vuitton, canada goose, moncler, pandora charms, karen millen, canada goose outlet, moncler, bottes ugg, juicy couture outlet, replica watches, supra shoes, pandora jewelry, moncler outlet, montre pas cher, louis vuitton, swarovski crystal, canada goose outlet, swarovski, toms shoes, pandora jewelry, moncler, wedding dresses, canada goose, moncler, canada goose uk, louis vuitton, moncler, canada goose, links of london, louis vuitton, coach outlet, ugg,ugg australia,ugg italia, juicy couture outlet