Friday, May 28, 2010

A New York niente sesso

LE DONNE PREFERISCONO SHOPPING E PALESTRA

Da oggi al cinema Sex and the City 2

di Mauro Suttora

Libero, 28 maggio 2010

Come passeranno alla storia questi anni Zero? Corriamo un grande rischio: che il decennio appena finito venga ricordato, in mancanza di meglio o di peggio (Bush, guerre d’Iran e Afghanistan, Coldplay, ipod), per ‘Sex and the City’. E questa sì che sarebbe una tragedia. Quasi peggio del terrorismo islamico.

Le quattro smandrappate di New York, anche se amano comportarsi come ventenni sgarzelline e l’età mentale dei personaggi che interpretano è perfino minore, hanno tutte superato i 45 anni. Samantha ne ha addirittura 54. O meglio: questa è l’età dell’eccellente attrice inglese Kim Cattrall che la impersona, e che si è appena fatta notare come bollente segretaria-amante di Pierce Brosnan (alias Tony Blair) nello splendido ‘Uomo nell’ombra’, ultimo film di Roman Polanski.

Non a caso la meno letale del quartetto non è americana. Infatti Samantha è l’unica ad avere una vita sessuale. Ma poiché l’autrice di ‘Sex and the City’, Candace Bushnell, è gelosa della non frigidità del personaggio biondo da lei stessa creato, l’ha trasformata in macchietta: ninfomane, esagerata, comica, affamata di toyboys.

Le altre tre sono sexy quanto il ghiacciaio del monte Bianco. Ma non è colpa loro. È la New York di oggi a renderti così. Lo dico per esperienza personale: ci ho vissuto per molti degli anni Zero, e per un biennio mi sono fidanzato con una ragazza uguale a quelle di ‘Sex and the City’. Una ex modella trentenne bellissima, simpatica, intelligente, coltivata (laureata in un college top ten degli Usa), abbastanza ricca. E innamorata, come me. Ma a letto, una frana. Sono sopravvissuto nell’unico modo possibile, con questi fenotipi di Manhattan apparentemente assai attraenti: lasciandola. Ma avendo accumulato tanti di quegli aneddoti divertenti e agghiaccianti da scriverci un libro: ‘No Sex in the City’ (ed. Cairo, 2007).

La verità è semplice, come ha detto un famoso sociologo: “A New York hanno talmente sessualizzato lo shopping, che tutto il resto è stato desessualizzato”. La mia girlfriend Marsha si svegliava alle sette del mattino, e invece di fare l’amore correva a fare jogging a Central Park. Io la aspettavo a letto speranzoso (anche a Manhattan si verifica il fenomeno definito in inglese “morning glory”), ma quando lei tornava alle otto - sudata, ansimante, guance rosse, seno e lunghe cosce foderati nella tuta aderente, quindi ancora più affascinante - si buttava nella doccia: «I have no time, my love», mi gridava felice da sotto lo scroscio, già orrendamente piena di energia a quell’ora del mattino. Poi si precipitava giù a comprare da un coreano il beverone che loro chiamano “caffè” (una sciacquatura marrone), e lo sorseggiava con una cannuccia nel metrò verso il lavoro.

Verso le sei di sera passava a prendermi alla libreria Rizzoli sulla 57esima Strada, dove lavoravo. La sua vita frenetica a quell’ora prevedeva aperitivi, vernissage di gallerie, inaugurazioni di negozi e altri innumerevoli «eventi», che ora infestano la vita anche a noi italiani. Quindi in taxi al ristorante. Spesso un cinema, un concerto, un teatro a Broadway. Poi, ogni tanto, in un club a ballare. Feste in casa di amici. Oppure quella disgrazia che sono i «gala», al Plaza, al Waldorf o al Pierre, con i grandi tavoli rotondi da otto e qualche causa benefica da finanziare.

Insomma, difficile tornare a casa prima di mezzanotte. E a quel punto lei era troppo stanca per farlo. «I need to relax», si scusava. E io: «Appunto, rilassiamoci facendo l’amore». Lei mi sorrideva: «Accarezzami, Mauro». E si addormentava.

La sua attività principale, nel tempo libero, era lo shopping. Spendeva in scarpe Jimmy Choo e borsette Prada tutto quel che guadagnava (non poco). Nei weekend estivi bisognava andare agli Hamptons: come Portofino, ma umidi come New York. Siccome era sportiva, se non poteva fare jogging per il troppo caldo o troppo freddo, andava in palestra a sfogarsi sul tapis roulant. Ecco, dopo un po’ scoprii che quello era il mio vero rivale. Perché solo lì, e nei negozi, le donne di 'Sex and the City' riescono ad agguantare il piacere. Sex, zero. Come il decennio.

Mauro Suttora

8 comments:

Anonymous said...

Kim Kattral compi 54 anni il 21 agosto. Ignorante, rispetta una bella signora.
Palazzolo.

mauro suttora said...

mi scuso con l'immarcescibile samantha

lucabagatin.ilcannocchiale.it said...

Dev'essere davvero frustrante avere una girl friend statunitense !

:-)

orietta said...

Ungaretti - Malinconia

Calante melinconia lungo il corpo avvinto
al suo destino

Calante notturno abbandono
di corpi a pien'anima presi
nel silenzio vasto
che gli occhi non guardano
ma un'apprensione

Abbandono dolce di corpi
pesanti d'amaro
labbra rapprese
in tornitura di labbra lontane
voluttà crudele di corpi estinti
in voglie inappagabili

Mondo

Attonimento
in una gita folle
di pupille amorose

In una gita che se ne va in fumo
col sonno
e se incontra la morte
è il dormire più vero.

dai! su con la vita! :))

mauro suttora said...

come dicono a Como: ciuspa!

Miss Welby said...

Malvino ha trasferito il suo blog su un'altra piattaforma, la stessa "nostra" di Google/Blogspot: aggiorna il suo link e già che ci sei nei tuoi link vedi di non denunciare pubblicamente per nome e cognome nel tuo blogroll l'autrice di "Miss Welby", che eravamo d'accordo dovesse costituire una esclusiva per Oggi!!! :)

PS: x Palazzolo: Radio 2 è infinitamente superiore. Come si fa ad affezionarsi all'addormentato Cappato quando Radio 2 spara programmi svegli come 610, Caterpillar, Il ruggito del coniglio e Un giorno da pecora??? Ad ascoltare Bordin e Cappato siete rimasti solo Palazzolo e Suttora. Auguri di buon litigio!

PS2: una giovanissima Kim Cattrall (con la C, non la K, a testimoniare l'ignoranza di Palazzolo) ebbe un ruolo in una delle prime serie del Tenente Colombo di Peter Falk, cosa che Palazzolo non può sapere in quanto non c'è scritto in Wikipedia ma lo so io che l'ho vista e riconosciuta.

Palazzolo hai fatto un capolavoro: non conosci la filmografia delle sue origini, non sai manco come si scrive il suo nome, e ti permetti di criticare.

Supponente, vai a cagare

mauro suttora said...

se tutte le miss fossero come la welby

Anonymous said...

The Smoky Mountain Country Club in Whittier will arrange trail rides with riding stables close by. [url=http://www.mulberryhandbagssale.co.uk]Mulberry outlet shop[/url] One transitions from reality to another, using the perceived 'tunnel' to travel from this reality to the next. [url=http://www.goosecoatsale.ca]canada goose outlet[/url] Aqclfwhwj
[url=http://www.pandorajewelryvip.co.uk]pandora bracelets[/url] Hqthuzqbh [url=http://www.officialcanadagooseparkae.com]canada goose outlet toronto[/url] dglccfooi