Wednesday, June 24, 2009

Francesca Balzani, eurodeputata

Oggi, 24 giugno 2009

Francesca Balzani, 43 anni, di Genova, avvocata dello studio Uckmar, sposata, due figli. È stata eletta eurodeputata Pd per il Nordovest. Non ha mai fatto politica fino a due anni fa, quando il sindaco di Genova Marta Vincenzi l'ha scelta come assessore al Bilancio.

Il nostro giornale (il settimanale Oggi) l'ha "adottata" al posto di Rosaria Capacchione, che non ce l'ha fatta ad arrivare a Bruxelles. Gli eurodeputati adottati, uno per partito, si sono impegnati a partecipare a tempo pieno ai lavori ell'Europarlamento, a diminuirne gli sprechi e a farlo funzionare meglio. Nei prossimi cinque anni li controlleremo, e loro sranno le nostre "spie" a Bruxelles, raccontandoci che cosa succede in Europa.

Mauro Suttora

Roberto Giovalli picchiato a Formentera

dal nostro inviato Mauro Suttora

Oggi, 15 giugno 2009

«Come sta, Giovalli?»
«Ho visto tempi migliori».
Secondo piano dell'ospedale di Ibiza. Roberto Giovalli parla a fatica, ma non ha perso il senso dell'humour. Lo hanno massacrato di botte nella sua isola di Formentera. È intubato. Occhi gonfi, viso irriconoscibile.
«Tornavo a casa da solo in auto verso l'una di notte. Erano in quattro. Ho avuto solo il tempo di scorgerne uno. Parlava spagnolo. Mi ha colpito in testa con un bastone grosso così. Poi mi hanno legato le mani con un filo della luce strappato all'entrata. Mi hanno avvolto la testa in un paio di miei pantaloni trovati in cortile. E hanno cominciato a colpirmi, in silenzio. Dappertutto: in faccia, sulla testa, sul corpo...»
Arriva un'infermiera, gli dà un aggeggio in cui deve soffiare e fare alzare una pallina. Serve per controllare i polmoni. Ha avuto un versamento, costole incrinate.

Questo 52enne piemontese, poco conosciuto al grande pubblico, è un monumento della tv italiana. Un quarto di secolo fa era accanto a Silvio Berlusconi. Le sue invenzioni geniali fecero decollare Italia Uno. Negli anni '90 mollò tutto ed emigrò a Formentera. Nel 2001 tornò in Italia per trasformare La Sette in un canale da 7-10 per cento: il terzo polo fra Rai e Mediaset, con Gad Lerner, Fabio Fazio e Luciana Littizzetto. La politica lo impedì.
Così Giovalli, intascati sette miliardi di liquidazione, è tornato nel suo paradiso terrestre. Dove legge, guarda film, macina decine di chilometri di footing. Ogni tanto qualcuno dall'Italia gli propone qualcosa (la presidenza di Federbasket), Berlusconi continua a corteggiarlo. Lui gentilmente rifiuta. Un intellettuale. Un originale. «Il Guru», lo hanno soprannominato i (tanti) amici di Formentera.

E adesso, il paradiso che per lui improvvisamente diventa inferno. Rapina? Giovalli teneva la porta di casa aperta tutto il giorno. Gli hanno rubato il portafogli, ma dentro non sono entrati. Messaggio mafioso, vendetta, regolamento di conti? Giovalli non ha mai avuto proprietà o iniziative economiche da queste parti. Dopo vent'anni è ancora in affitto. «Assieme ad altri aveva aperto un chiringuito, il 10,7 (l'altezza in chilometri dell'unica strada di Formentera), ma lo hanno subito rivenduto», ci dicono gli amici spagnoli e italiani al ristorante Sa Sargantana.

Mistero. Nessuno sembra voler male al mite Guru, qui sull'isola. «I picchiatori sono venuti da fuori», dice la Guardia Civil. Probabilmente sono scappati in motoscafo subito dopo la spedizione punitiva. Difficile e rischioso che si siano mescolati ai turisti dell’unico traghetto per Ibiza. O che abbiano pernottato nella piccola Formentera, dove gli alberghi si contano sulle dita di una mano. Forse erano qui da giorni, lo pedinavano.
Giovalli è un solitario, ma sempre circondato da amici. Quella era una delle poche sere in cui è rincasato da solo. Aveva una coppia di ospiti italiani in una dépendance a pochi metri da casa. Ma quando sono rientrati loro, più tardi, non si sono accorti di nulla. Li ha svegliati la Guardia Civil alle tre. Nel frattempo Giovalli, grondante sangue, era riuscito a slegarsi, a trascinarsi fino all’auto e a guidare verso la strada principale, dove ha chiesto aiuto.

Quindi gli aggressori venivano da fuori. Ma quanto fuori? Dalla rutilante Ibiza (le isole sono praticamente attaccate, mezz'ora di traversata), dalla Spagna, dall'Italia? Qual era il messaggio del commando? «Volevano ucciderlo», dice l'amico più allarmista, «se fosse stato solo un avvertimento avrebbero mirato a gambe e braccia. È stato molto fortunato. Lo ha salvato il suo fisicaccio compatto».

Formentera è già affollata in giugno. Dietro a Giovalli molti vip italiani l'hanno scoperta: Carlo Sama (ex impero Ferruzzi-Gardini), Cristina Parodi e Giorgio Gori, Rosita Celentano, Bonolis, qualche calciatore. Negli ultimi dieci anni sempre più italiani, sempre meno tedeschi. Ma la tranquillità di ex riserva hippy è rimasta. L’isola è il contrario della Costa Smeralda e della Costa Brava. Il massimo del glamour è un aperitivo al tramonto sulla spiaggia Tiburon. E il massimo trofeo dei paparazzi è stato proprio Giovalli nudista sulla sabbia.

Da un anno il Guru ha anche smesso di fare lo scapolo ad oltranza. Sta con la minuta Erika, ex compagna di Renzo Rosso, padrone della Diesel. Ma, pure qui, con discrezione: mai stato a casa di lei, mai incontrati i tre figli avuti da lei con l'ex.
Mistero. «Ho presentato denuncia contro ignoti», mormora sconsolato Giovalli.

Mauro Suttora

Anna Maria Corazza eurodeputata

Amore e parmigiano: così ho conquistato la Svezia

PROTAGONISTE E SORPRESE DELLE ELEZIONI

Emiliana purosangue, è famosa a Stoccolma per il suo sito gastronomico e un marito importante. E ora si è fatta eleggere all' Europarlamento

di Mauro Suttora

Oggi, 24 giugno 2009

Abbiamo un'altra Carla Bruni in Europa . Un'altra donna italiana che ha sposato un importante uomo politico straniero, ed è diventata un personaggio nel suo nuovo Paese. Ma Anna Maria Corazza, 45 anni, ora ha perfino superato Carlà Sarkozy di Francia: ha infatti trionfato alle elezioni europee in Svezia, salendo dall' ottavo posto in lista del suo partito al secondo posto fra gli eletti. Da undici anni la signora Corazza è moglie di Carl Bildt, uno dei principali politici svedesi: ex premier, capo del Partito moderato (26 per cento dei voti, fa parte dei popolari europei), prestigiosi incarichi internazionali, e dal 2006 ministro degli Esteri. Oggi Bildt è una delle «tre B» in corsa per i massimi incarichi dell'Unione europea, con Tony Blair e José Manuel Barroso.

L' INCONTRO IN JUGOSLAVIA

Galeotta fu la ex Jugoslavia. Che negli anni Novanta non era proprio uno dei posti più romantici del mondo: guerre dappertutto, dalla Slovenia alla Croazia, dalla Bosnia al Kosovo. Ma è lì che Anna Maria, allora funzionaria Onu, incontrò nel 1996 Bildt per ragioni di lavoro. Allora lui era Alto rappresentante dell' Unione europea in Bosnia, la prima grande missione di pace gestita dalla Ue. La signora Corazza, nata a Roma, è emiliana purosangue: la sua famiglia era proprietaria delle terme di Tabiano, vicino a quelle di Salsomaggiore, e lì conserva un castello trasformato in hotel de charme. Dopo la laurea in Scienze politiche a Roma è andata a specializzarsi in California e alla Columbia University di New York.

«Poi ho lavorato alla Cooperazione col ministero degli Esteri italiano, all'Ocse, all'Unesco e alla Banca mondiale», ci dice. Infine l'Onu: prima al Commissariato dei rifugiati a Ginevra, poi dal 1992 nell'inferno della ex Jugoslavia: due anni in Serbia, due anni in Croazia e due anni in Bosnia. Nella Sarajevo crivellata dai colpi dei cecchini l'ambasciatore italiano Michele Valensise celebrò il matrimonio. Poi, la vita tranquilla di Stoccolma. Anche troppo, per l'intraprendente Anna Maria. Che mette su un sito Internet ( www.italiantradition.com ) per pubblicizzare i prodotti italiani. Innanzitutto quelli della sua Parma: il grana e il prosciutto. Nel 2002 scrive un libro, Da Parma con amore, che diventa un best seller in Svezia. Le affibbiano il soprannome «signora Parmigiano». «La mia famiglia aveva un'azienda agricola, sono cresciuta andando a prendere il latte in fattoria per portarlo al caseificio. E poi le mucche, i maiali...». Al figlio della signora Corazza, Gustav, 5 anni, è venuta una strana allergia: alle arachidi. E allora lei si è messa a studiare le etichette dei cibi per scopri re qual i componenti possono essere dannosi. «Il cibo è collegato alle quattro principali malattie dei tempi moderni: tumori, infarti, diabete e obesità. Di questo voglio occuparmi a Bruxelles», annuncia battagliera.

La campagna elettorale non è stata una passeggiata. «Ovviamente tutti i miei avversari, sia all'interno del partito sia all' esterno, mi hanno subito bollata come "la moglie del ministro". E essere raccomandati in Svezia, contrariamente a quanto accade troppo spesso in Italia, è peccato mortale. Qui c'è democrazia di base. Per questo ho dovuto sudare il doppio. Ma ce l'ho fatta». Le dispiace che Emma Bonino non sia più eurodeputata: «L' avevo conosciuta quand' era commissaria ai diritti umani della Ue, negli anni Novanta. Allora era l'unica a battersi per le donne oppresse dai talebani a Kabul, e ho cercato di aiutarla». Due mesi fa ha accompagnato i reali svedesi nel loro viaggio a Roma. La rivedremo presto, e spesso.
Mauro Suttora

Rosaria Capacchione non eletta

Stop a donna coraggio, la camorra ringrazia

PROTAGONISTE E SORPRESE DELLE ELEZIONI

Rosaria Capacchione , «capolista» del Pd al Sud, sconfitta nel voto per Bruxelles

di Mauro Suttora

Oggi, 24 giugno 2009

Incredibile: la «capolista» del Partito democratico alle Europee nella circoscrizione meridionale, Rosaria Capacchione, 49 anni, non è stata eletta. I dirigenti le avevano offerto il secondo posto in lista, dietro all' ex ministro dell' Agricoltura Paolo De Castro. Lei, giornalista del quotidiano Il Mattino nella redazione di Caserta, aveva accettato. Non che tenesse particolarmente alla carriera politica. Era diventata famosa per i suoi articoli sulla camorra, come lo scrittore Roberto Saviano, autore di Gomorra . Il suo libro sui boss casalesi, L' oro della camorra, pubblicato lo scorso dicembre da Rizzoli, è alla terza edizione. E lei ha ottenuto 73 mila preferenze. Ma questo non le è valso uno dei quattro seggi a Bruxelles conquistati dal Pd nel Sud.

SUPERATA DAGLI ASSESSORI
È arrivata soltanto all' ottavo posto in classifica, superata non solo da De Castro che la precedeva e dall' eurodeputato uscente Pittella, ma da altri rodati politici locali, fra i quali alcuni assessori regionali alle Attività produttive. Cioè proprio il settore più appetito per i fondi europei che distribuisce. E che troppo spesso finisce nella cronaca nera, per le truffe perpetrate ai danni del bilancio comunitario. Naturalmente Rosaria è amareggiata, ma non vuole polemizzare: «Da lunedì sono tornata al mio lavoro a Caserta, e dovrò pagare 20 mila euro di debiti con la tipografia per i volantini. Tutti i ragazzi che hanno lavorato con me era no volontari, ed è stata un' esperienza entusiasmante. Per lottare contro la camorra non c' è bisogno di andare a Bruxelles. In Campania abbiamo avuto 60 mila voti. Però il Partito democratico non mi ha appoggiato come forse era nelle previsioni».

Rosaria, in effetti, era stata invitata a stare in testa alla lista dei candidati. Ma adesso la sensazione è che il suo nome sia stato usato come uno specchio per le allodole. Se il Partito democratico non è più in grado di fare eleggere un «capolista», esponendolo alla figuraccia della «trombatura», forse ha ragione Gustavo Zagrebelski. L' ex presidente della Corte costituzionale ha lanciato l'allarme: «Nel Partito democratico al Sud si è aperta una questione morale. Il partito è in mano a cacicchi locali». I cacicchi erano dei capipopolo dell' America Latina. «Purtroppo i cacicchi imperversano non solo al Sud», commenta sconsolato Nando dalla Chiesa, esponente di quella «società civile antimafia» di cui fa parte la Capacchione.

Wednesday, June 17, 2009

Abbiamo adottato cinque eurodeputati

E adesso lavorate per noi

L' INIZIATIVA DEL NOSTRO GIORNALE DOPO LE ELEZIONI EUROPEE

A Bruxelles gli italiani si vedono poco. Noi vogliamo mettere «alla corda» un gruppo di matricole: le terremo d' occhio

Mauro Suttora

Oggi, 10 giugno 2009

«E la forbice? Di quant'è la forbice?». È impallidito, il povero Ignazio La Russa, quando è apparso «35 per cento» nella prima proiezione dei voti per il suo partito, il Pdl (Popolo della libertà). Pochissimo, rispetto alle speranze esibite in pubblico da Silvio Berlusconi prima del voto: «Raggiungeremo il 40 per cento». Invece, 35. E il sondaggista a spiegare che la «forbice» era del cinque per cento: quindi il risultato finale poteva essere 37, ma anche 33 per cento. Alla fine, è rimasto il mesto 35,3. Ovvero: quasi tre milioni di voti persi dal Pdl in un solo anno. Berlusconi deve licenziare i suoi sondaggisti, oppure ha bluffato? «Né l' una né l'altra», dice Licia Ronzulli, eurodeputata Pdl neoeletta. «Il problema è che la gente dice quel che voterebbe, ma poi a votare ci deve andare sul serio». Invece gli astenuti hanno trionfato, e si sono recati alle urne solo due italiani su t re: il 66 per cento. Questa volta il leggendario ottimismo di Berlusconi gli si è rivolt ato co nt r o: molt i suoi elettori, vista la vittoria annunciata, si sono risparmiati la fatica di tornare in fretta dal weekend per correre in cabina prima delle 22 di domenica.

I VERI VINCITORI
Non che gli altri stiano meglio. Il Pd ha perso per strada oltre quattro milioni di voti i n dodici mesi: u no su t re. Però i sondaggi per il partito di centrosinistra erano catast rofici, qui ndi i suoi dirigenti hanno la reazione oppo st a a l cent rodest ra: ora sono quasi content i del 26 per cento raccolto. I due vi ncitori sono certamente Umberto Bossi e Antonio Di Pietro. La lega Nord in realtà ha appena centomila voti in più sul 2008, però grazie agli astenuti quelli attuali valgono il 10,2 per cento, rispetto all'8,3 dell'anno scorso.

Quando la torta si fa più piccola, la stessa fetta sembra più grande. L' esempio perfetto è l' Udc: i suoi due milioni di voti, sempre gli stessi, rappresentavano il 5,6 per cento nel 2008, e il 6,5 oggi. L'unica ad avere aumentato di molto i consensi anche in cifre assolute è stata l'Italia dei valori: gli 800 mila voti in più le permettono di raddoppiare in percentuale, dal quattro all' otto. Insomma, il voto europeo è stata una sconfitta per entrambi i grandi partiti. Addio bipartitismo? «Pdl e Pd si concepiscono come contenitori in cui può stare di tutto, dai sostenitori della sacralità della vita a quelli di aborto ed euta nasia», dice Magdi Cristiano Allam, eletto nelle file de l' Udc, «ma sono stati puniti. Premiati invece tutti e tre i partiti che rappresentano identità e valori forti, anche se diversi e in conflitto fra loro: Udc, Lega e Di Pietro». Aggiungendoci pure le liste senza eurodeputati perché non hanno superato la tagliola del quattro per cento (Rifondazione, Sinistra e libertà, Radicali, Mpa, Destra di Storace ecc.), si scopre che un buon trenta per cento di elettori ha espresso, in un modo o nell' altro, un voto di protesta.

BASTA CASTA
Ma protesta contro che cosa? Sicuramente contro la cosiddetta «Casta» dei politici di professione, ampiamente denunciata da una serie di libri-inchiesta diventati bestseller negli ultimi due anni. E leggere le classifiche degli assenteisti al Parlamento europeo non ha migliorato le cose. Per questo il nostro giornale ha preso l'iniziativa di «adottare» cinque nuovi eurodeputati, uno per ogni partito. Abbiamo proposto loro un «decalogo», messo a punto con il professor Roberto Bin, ordinario di Diritto costituzionale all'università di Ferrara. E loro hanno accettato la sfida. Con il professore, uno dei massimi esperti dei meccanismi della legislazione europea in Italia, abbiamo individuato alcuni punti che, al di là delle idee politiche di ciascun partito, possono contribuire a migliorare l' Europarlamento, ad avvicinare i cittadini a Bruxelles. E i nostri cinque li terremo d' occhio.

Mauro Suttora

ECCO I 5 "ADOTTATI":

Licia Ronzulli
Popolo della Libertà

Licia Ronzulli, 33 anni, è dirigente sanitaria all' istituto ortopedico Galeazzi di Milano. È impegnata come volontaria da anni con l' associazione Progetto sorriso nel mondo: un gruppo di medici e infermieri che opera in Bangladesh per curare le malformazioni cranio-facciali dei bambini. Candidata l' anno scorso alle Politiche, è stata prima dei non eletti nel collegio delle Marche. Quest' anno Silvio Berlusconi in persona l' ha candidata alle Europee, con Lara Comi e Barbara Matera, suscitando le note polemiche sulle Veline. La Ronzulli ha risposto con il proprio curriculum, e nella circoscrizione Nord Ovest ha ottenuto un buon numero di preferenze, piazzandosi dietro a Mario Mauro e alla Comi (sostenuti da Comunione e Liberazione) e all' ex sindaco di Milano Gabriele Albertini, eurodeputato uscente. A Bruxelles si occuperà di sanità, anche se Berlusconi ha già auspicato per lei un prestigioso ruolo di «coordinamento» degli eurodeputati Pdl.

Magdi Cristiano Allam
Unione di Centro

Magdi Cristiano Allam, 57 anni, è nato al Cairo (Egitto). Di religione musulmana, per volontà della madre ha studiato prima in un collegio di suore comboniane e poi in uno di salesiani, dove ha imparato l' italiano. A vent' anni emigra a Roma per l' università. Laureato in sociologia, è diventato giornalista di Repubblica. Dal 2003 al 2008 è stato vicedirettore ed editorialista del Corriere della Sera. Critico dell' estremismo islamico, un anno fa si è convertito al cattolicesimo, aggiungendo «Cristiano» al proprio nome. Due anni fa si è sposato con Valentina, traduttrice di opere di letteratura araba, dalla quale ha avuto un figlio, Davide, dopo i due da un' unione precedente. Ha scritto i libri Vincere la paura, Io amo l' Italia. Ma gli italiani la amano? e Viva Israele. Ha fondato il partito Protagonisti per l' Europa Cristiana, ed era capolista per l' Udc nel Nord-Ovest.

Rosaria Capacchione
Partito Democratico<

Rosaria Capacchione, 49 anni, nata a Napoli, dal 1985 è giornalista del quotidiano Il Mattino . Vive e lavora a Caserta. È autrice del libro L' Oro della Camorra: come i boss casalesi sono diventati ricchi e potenti manager che influuenzano e controllano l' economia di tutta la Penisola, da Casal di Principe al centro di Milano (Rizzoli, 2008). Una copia del libro è stata trovata dai carabinieri nel covo dove si nascondeva il super latitante boss camorrista Giuseppe Setola, durante un blitz del 12 gennaio 2009.
Assieme a Roberto Saviano, la Capacchione è la massima esperta, a livello giornalistico, di criminalità organizzata in Campania. Vive pure lei sotto scorta, a causa del proprio lavoro di cronista giudiziaria e per la sua attività di divulgazione. Più volte negli anni è stata minacciata di morte. Il Partito Democratico l'ha candidata capolista nella circoscrizione Italia Meridionale.

Lorenzo Fontana
Lega Nord

Lorenzo Fontana, 29 anni, di Verona, celibe, ha fatto il liceo scientifico ed è laureando in Scienze politiche. Ha lavorato come impiegato e ha collaborato a giornali. Iscritto alla Lega Nord dal 1997, nel 2002 è diventato vice coordinatore federale del Movimento giovani padani. Vicesegretario provinciale della Lega a Verona dal 2007, è stato eletto consigliere comunale dopo cinque anni da consigliere circoscrizionale.
Umberto Bossi lo ha scelto personalmente come capolista della Lega alle Europee nella circoscrizione Nord Est, anche se i leghisti veneti possono già vantare due «pesi massimi» relativamente giovani nelle gerarchie interne: il sindaco di Verona Flavio Tosi, e il ministro trevigiano dell' Agricoltura Luca Zaia. In Veneto, la Lega Nord in queste elezioni ha mancato di soli 25 mila voti l' obiettivo di superare il Popolo della Libertà, diventando così il primo partito regionale per candidarsi alla guida della Regione.

Niccolò Rinaldi
Italia dei Valori

Niccolò Rinaldi, 47 anni, di Firenze, al liceo ha militato nella Federazione giovanile repubblicana. Laureato in Scienze politiche con una tesi sull' economia di strada di Dakar (Senegal), frutto di una ricerca sul campo. Dopo l' università ha superato un concorso per entrare nelle Nazioni Unite, ed è diventato responsabile dell' informazione in Afghanistan (posto che era vacante da mesi: nessuno voleva andarci). Ha vissuto a Peshawar e a Kabul durante la guerra.
Ha scritto il libro Islam, guerra e dintorni con la prefazione di Jas Gawronski, tradotto in francese con la prefazione di Daniel Cohn-Bendit (leader dei Verdi francesi, che hanno appena trionfato alle europee con il 16 per cento dei voti). Nel '91 ha lasciato l' Onu per il Parlamento europeo, dove nel 2000 è diventato segretario generale aggiunto. La sua carriera ha colpito Antonio Di Pietro, che lo ha candidato.

Dieci promesse da mantenere

1 Dedicare alla carica di eurodeputato il cento per cento della mia attività ed energia.
2 Partecipare non solo alle sedute in aula, ma anche a quelle di commissione e di gruppo, dove si svolge il vero lavoro, spesso oscuro.
3 Tenere i rapporti con le Regioni della mia circoscrizione, per farle accedere alle grandi risorse (non solo finanziarie) dell' Unione europea.
4 Imparare bene una o due lingue (inglese, francese), nel caso non le conosca già, per comunicare direttamente con i colleghi stranieri.
5 Scegliere bravi collaboratori, non in base all' amicizia, ma alla competenza.
6 Allargare i poteri dell' Europarlamento, unico organo eletto, rispetto ai burocrati della Commissione e ai difensori degli interessi nazionali nel Consiglio.
7 Diminuire gli sprechi: due sedi e mezzo (Bruxelles, Strasburgo, Lussemburgo), traduzioni in 23 lingue, stipendi e rimborsi per gli assistenti (25 mila euro al mese).
8 Battermi per gli Stati Uniti d' Europa, federali e con le massime autonomie locali (sussidiarietà), ma con un' unica politica estera e di difesa.
9 Vigilare sulle truffe sui fondi dell' Unione europea.
10 Semplificare le leggi comunitarie, diventate eccessive quanto quelle nazionali.

Wednesday, June 10, 2009

Massimiliano Dona e Affari tuoi

AFFARI DIMEZZATI, PACCHI TROPPO GENEROSI?

Oggi, 3 giugno 2009

«Da gennaio, quando abbiamo depositato un esposto alla magistratura su possibili irregolarità, le vincite medie ad Affari tuoi si sono quasi dimezzate».
Parla Massimiliano Dona, segretario dell'Unc (Unione nazionale consumatori). Cinque anni Striscia la Notizia accusò il quiz preserale di scegliere come concorrenti non persone comuni, ma gente già abituata alle telecamere. Lo scopo: rendere il programma più frizzante. Allora la Rai cominciò a invitarlo in studio per garantire la trasparenza del gioco.

In questi anni il programma è stato bersagliato spesso da polemiche: come avete reagito?
«Tenendo nella massima considerazione le accuse, anche quelle più recenti secondo cui il gioco era pilotato per fare in modo che i pacchi “danarosi” arrivassero fino alla fine, per tenere alti gli ascolti. Nonostante molte verifiche, non ho però trovato alcun riscontro concreto».
Che rapporti avete con la Rai e la società Endemol, produttrice del programma?
«Massima disponibilità, almeno fino a quando ho depositato l'esposto per alcune anomalie rilevate nell’attuale edizione». Comprensibile.
«Certo, ma non è da me che deve difendersi. Io ho solo tutelato gli utenti televisivi ed il soggetto pubblico che ne gestisce i soldi – cioè proprio la Rai – dalle condotte illecite di terzi. Credo che la Rai mi ringrazierà quando conterà i denari risparmiati grazie al mio intervento.
Che tipo di irregolarità avete rilevato?
«All’inizio di questa stagione le vincite si erano fatte esorbitanti. Almeno quattro giocatori avevano portato a casa il premio principale di 500 mila euro, e l’andamento di molte partite mi era sembrato sospetto. La mia attenzione poi è stata attirata da alcuni strani comportamenti dei concorrenti nella fase di preparazione dello studio televisivo, quella che precede la messa in onda».
Cioè?
«I pacchi vengono allestiti in una stanza segreta, e poi portati in sala da alcuni addetti: l’ordine con il quale entravano in studio, che non era quello numerico, poteva dare indicazioni sul valore del premio all’interno. Alcuni concorrenti lo avevano capito, e così bastava osservare quell’operazione per assicurarsi una bella vincita a danno della Rai».
E quindi?
«Ora aspettiamo che i magistrati accertino se i concorrenti hanno approfittato di una porta lasciata inavvertitamente socchiusa o, invece, siano stati invitati ad entrare dopo aver ricevuto la chiave. Comunque, da quando la nostra Unione ha chiesto ed ottenuto di modificare le procedure, le vincite si sono dimezzate».

Lei si è fatto intervistare su questo da Striscia la notizia, la trasmissione conocorrente di Affari tuoi. Non le sembra di cattivo gusto?
«No, perché i cittadini hanno il diritto di essere informati di come vengono usati i soldi pubblici. E ho richiesto a Striscia di non essere arruolato in una guerra di audience, alla quale l’Unc rimane estranea. Avrei fatto l’intervista anche alla Rai, se me l’avesse chiesto: in tal modo, peraltro, avrebbe manifestato solidarietà con chi le sta proteggendo il portafogli».
Reazioni dai telespettatori?
«Hanno saputo distinguere il nostro esposto dalle precedenti polemiche, che riguardavano più con una questione di ascolti. Ho ricevuto molti messaggi di solidarietà».
Come andrà a finire?
«Non vorrei che, come spesso accade, a rimetterci siano le persone oneste: i molti lavoratori seri della Rai, gli addetti ai lavori, gli autori, lo stesso presentatore - attualmente Max Giusti - che non hanno alcuna responsabilità. Per questo, mi rivolgo a chi sa perché chiarisca la situazione».
Pensa che la Rai la chiamerà ancora come garante?
«Credo di si. In fondo, cinque anni fa mi avevano chiamato per controllare. E io ho controllato».

Mauro Suttora

Sartori su Berlusconi

"E' un sultano. Ma furbissimo, si salverà"

di Mauro Suttora

Oggi, 3 giugno 2009

«Berlusconi ormai è un sultano. Mi diverto a chiamarlo così perché il termine islamico evoca, insieme, fasto e potere dispotico. Il Cavaliere sultaneggia su un partito prostrato ai suoi piedi. Nomina ministri e ministre chi vuole. Li caccia come se fossero personale di servizio. Nessuno fiata. I ministri del partito di sua proprietà sono tali per grazia ricevuta. E tornano a casa senza nemmeno un gemito, se così decide il padrone. Non manca nemmeno un gradevole harem di belle donne. Il sultanato era un po’ così».

Perfido toscano, il professor Giovanni Sartori, 85 anni, è il massimo politologo italiano. E commenta il «caso Noemi» che scuote l’Italia, suscitando commenti sghignazzanti nel resto del mondo. Le parole riportate sopra, però, non ce le ha dette adesso. «Le ho scritte in prefazione al mio ultimo libro, Il sultanato, pubblicato tre mesi fa da Laterza. E mi pare vadano benissimo per commentare il ‘caso Noemi’. Che è una storia sgradevole su cui non ho scritto né scriverò editoriali sul Corriere della Sera. Ma in qualsiasi altro Paese occidentale, un presidente del Consiglio impelagato in un infortunio del genere o si discolpa, o si dimette».
Berlusconi si è discolpato.
«Perché non è tipo da dimettersi. Ma continua a dare versioni diverse».
Sono fatti suoi, dicono i suoi.
«Non dopo che lui stesso è andato in tv a Porta a Porta rendendo pubblica questa vicenda scandalosa».
C’è una somiglianza con il caso Monica Lewinsky, che undici anni fa portò il presidente Usa Bill Clinton sull’orlo dell’impeachment?
«Clinton spergiurò davanti a un tribunale. Poteva rifiutarsi di rispondere, e sarebbe stato condannato per disprezzo della corte. Ma condannato a che? Il presidente era lui. Invece cadde nella trappola: fu incriminato non per il fatto in sè, ma per la menzogna sul fatto».
Sua moglie Hillary lo difese, mentre ora Veronica Berlusconi chiede il divorzio lanciando accuse tremende contro il marito.
«Ma Berlusconi è un genio della furbizia, ha trovato subito un diversivo. Per distrarre l’opinione pubblica i dittatori arrivavano a scatenare guerre. Lui non ne ha bisogno, perché controlla quasi tutti i mass media. Quindi, con un colpo d’ala, lancia l’idea di ridurre a cento i deputati, come nel Senato degli Stati Uniti. E tutti parlano di quello. È la trovata di un uomo di spettacolo genuino».
Berlusconi ha commesso reati?
«La ragazza era sicuramente minorenne all’epoca dei fatti, ma bisogna appurare quali fatti».
Succederà?
«Ne dubito. Ormai Berlusconi è riuscito a creare una fede attorno alla propria persona. Repubblica può insistere finché vuole, ma lui come sempre si atteggia a vittima. I media gli garantiscono consenso. E gli italiani - i maschi, almeno - dicono “Boh, chi non ha peccato scagli la prima pietra”».
I politici hanno diritto alla privacy, oppure la loro vita privata dev’essere irreprensibile?
«Ma Berlusconi non è un politico qualunque. È il presidente del Consiglio. Dev’essere al di sopra di ogni sospetto. Invece lui ha fatto l’esatto contrario: si è messo al di sopra di ogni legge. Il lodo Alfano gli garantisce l’impunità».
A volte i sultani affogano nel ridicolo.
«Berlusconi merita di essere cacciato. Ma non per le sue marachelle sessuali».
Mauro Suttora

Elezioni 2009

di Mauro Suttora

Oggi, 3 giugno

Chi supererà la «tagliola» del quattro per cento? E’ questa una delle due grandi novità delle elezioni europee del 6-7 giugno: per la prima volta, le liste che non raggiungono questa quota non eleggono nessuno. Si prevede una strage.
L’altra primizia è che si comincia a votare già dalle 15 di sabato pomeriggio, fino alle 22. E poi come sempre la domenica, dalle 7 alle 22. Subito dopo comincerà lo scrutinio, in tutti i 27 Paesi dell’Unione europea. Questa volta ci saranno le preferenze (al massimo tre), quindi si prevede qualche sorpresa all’interno delle liste.
Accorpate al voto per Bruxelles, poi, ci sono le amministrative. Che coinvolgono quasi tutte le principali città e province italiane: 34 milioni di elettori su 50. Fra i capoluoghi di regione, in quattro si vota per il Comune (Bologna, Firenze, Perugia, Bari) e in sei per la Provincia (Torino, Milano, Venezia, L’Aquila, Napoli, Potenza). Al voto 62 province, 4.281 comuni, nessuna regione.
Ecco le liste che partecipano alle Europee, in ordine di grandezza secondo i sondaggi:

Pdl (Popolo della libertà)
Silvio Berlusconi è capolista in tutta Italia. Al numero due ci sono Ignazio La Russa nel Nordovest, Alberto Balboni (Nordest), Roberta Angelilli (Centro), Salvatore Tatarella (fratello dello scomparso Pinuccio) al Sud, e l’ex sindaco di Lula (Nuoro) Maddalena Calia nelle Isole. Iva Zanicchi si candida nel Nordovest, ultima in ordine alfabetico, al 19° posto. Nel Nordest Elisabetta Gardini è al decimo posto, nel Sud Clemente Mastella al settimo.

Pd (Partito democratico).
Nel Nordovest il capolista è Sergio Cofferati, ex segretario Cgil e sindaco di Bologna. Segue la ex dc Patrizia Toia. Nel Nordest Luigi Berlinguer, fratello di Enrico ed ex ministro dell’Istruzione. Al Centro c’é il presentatore del Tg1 David Sassoli, al Sud l’ex ministro Paolo De Castro seguito dalla giornalista anticamorra del Mattino di Napoli Rosaria Capacchione. Apre la lista nelle Isole Rita Borsellino, sorella del magistrato ucciso dalla mafia.

Lega Nord
Capolista ovunque è Umberto Bossi. Gli altri sono Matteo Salvini, deputato e consigliere comunale a Milano, l’europarlamentare uscente Mario Borghezio, il 29enne veronese Lorenzo Fontana nel Nordest e Francesco Speroni, storico eurodeputato 61enne.

Idv (Italia dei Valori)
Antonio Di Pietro capolista in tutta Italia, seguito dall’ex magistrato Luigi De Magistris e dal giornalista del Corriere della Sera Carlo Vulpio che ne raccontato le gesta. Fra i candidati il filosofo Gianteresio Vattimo detto Gianni, ex di Rifondazione comunista, Giorgio Schultze del partito umanista, Sonia Alfano dell’Associazione vittime della mafia e lo scrittore Giorgio Pressburger.

Udc (Unione di centro)
Il Casini capolista nella circoscrizione Centro non è Pierferdinando, ma Carlo del Movimento per la vita, che precede Gianni Rivera. Spiccano al Nordovest Magdi Cristiano Allam, convertito al cattolicesimo, Emanuele Filiberto di Savoia e John Balzarini, ex compagno di Fiona Swarovski. Capolisti al Sud Ciriaco De Mita, 82 anni, e il lucano Angelo Sanza, ex Dc e Forza Italia.

Rifondazione Comunisti ital.
Guidano le liste al Nordovest Vittorio Agnoletto, capo noglobal nel 2001 a Genova, e la scienziata Margherita Hack. Nel Nordest Oliviero Diliberto e la pacifista Lidia Menapace. Al Sud Massimo Villone, ex senatore Ds, autore con Cesare Salvi del libro Il costo della democrazia che denunciò la casta politica prima del volume omonimo di Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo.

Sinistra e libertà
E’ un’alleanza fra metà Rifondazione, verdi e socialisti. Capilista Monica Frassoni, il presidente della Puglia Nichi Vendola, l’attore Bebo Storti («conte Uguccione»), Claudio Fava e, al Centro, la giornalista del Manifesto Giuliana Sgrena, ostaggio in Iraq nel 2005.

Lista Pannella Bonino
I radicali, guidati dai leader storici Marco Pannella ed Emma Bonino, schierano l’eurodeputato uscente Marco Cappato, Mina Welby vedova di Piero, Maria Antonietta Farina vedova Coscioni e l’architetto napoletano Aldo Loris Rossi.

Autonomia
E’ un’alleanza tecnica, per superare la soglia del 4%, fra la Destra di Francesco Storace e Teodoro Buontempo, il Mpa (Movimento per l’autonomia) del governatore siciliano Raffaele Lombardo, l’Alleanza di centro dell’ex Tg1 e Udc Francesco Pionati e i Pensionati di Carlo Fatuzzo.

Fiamma tricolore
L’estrema destra è guidata da Luca Romagnoli, eurodeputato uscente. Nel 2004 riuscì a ottenere un seggio con lo 0,7 dei voti, questa volta l’impresa è quasi impossibile.

Liberaldemocratici Melchiorre
Il cognome dell’ex sottosegretaria alla Giustizia del governo Prodi (2006-8) Daniela Melchiorre, eletta poi deputata Pd, campeggia sul simbolo.

Partito comunista lavoratori
La terza lista di estrema sinistra è la meno favorita dai sondaggi. Si presenta solo nelle circoscrizioni Nordest, Nordovest e Centro, guidata dal trotskista Marco Ferrando.

Liste civiche Beppe Grillo
Alle europee non si presentano gli Amici di Beppe Grillo, che però partecipano alle elezioni di una sessantina di comuni (quasi tutti quelli più importanti) con «Liste civiche a cinque stelle».

Mauro Suttora

Wednesday, June 03, 2009

intervista a Renato Brunetta

Oggi, 27 maggio 2009

di Mauro Suttora

Professor Brunetta, so chi è Brodolini.
«Bravo».
Renato Brunetta, 59 anni, il ministro (della Funzione pubblica) più popolare del governo Berlusconi, ha spopolato su Blob e Striscia per la scenata fatta a Daria Bignardi, che l’ha intervistato ignorando chi fosse Giacomo Brodolini, padre dello Statuto dei lavoratori.
I quali lavoratori scoprono di essere i meno pagati d’Europa.
«Ed è un male, perché stipendi bassi danno bassa produttività e competitività».
Di chi la colpa?
«Dei governi di sinistra e Cgil che hanno voluto moderazione salariale, ma anche della miopia delle imprese».
In pochi però si arrabbiano.
«Perché sommerso, evasione fiscale, pensioni, assistenza familiare e altre scappatoie italiane fanno da ammortizzatori».
Gli stipendi lordi sono buoni, ma vengono massacrati dal cuneo fiscale: tasse e contributi.
«Tasse troppo alte per chi le paga, basse o nulle per chi evade. E’ il modello Italia: salari contenuti, tanto benessere e pochi conflitti sociali».
Quindi va bene così.
«Sbagliato. Cambieremo questo welfare scassato, che costa tanto e protegge solo i pensionati, poco i giovani e pochissimo le famiglie».
A Como cento dipendenti privati devono mantenerne nove pubblici, a Catanzaro 43. Per questo al Nord votano Lega e non Pdl.
«E sbagliano. Il Pdl, e non la Lega, sta introducendo il federalismo fiscale. Per farlo occorre un partito con spalle grosse, nazionale. La Lega sta solo al Nord, l’alleanza giusta è quella col Pdl».
Stipendi pubblici aumentati del doppio rispetto ai privati in sette anni. E voi siete stati al governo per cinque. Cos’è, peronismo?
«Per il passato siamo corresponsabili. Ma ora premieremo il merito ovunque, senza dare tutto a tutti nei settori protetti».
Il solito politico che usa i verbi al tempo futuro.
«Sbagliato. I miei decreti passano entro luglio».
Ottantamila euro di debito pubblico gravano su ogni giovane. Se lo fossi, vi tirerei uova.
«E sbaglierebbe. Perché metà di quella cifra è in mano a suo padre, in Bot e Cct. E il resto è di fondi come quello dei pensionati californiani».
Ma anche di speculatori che possono far fare all’Italia la fine dell’Argentina, in bancarotta con i suoi bond.
«Sbagliato. “Speculatore” non è una brutta parola. Viene dal latino “speculare”, cioè studiare e capire, per approfittare. La speculazione è una scienza che fa fruttare i talenti».
E’ la prima cosa non di sinistra che dice in quest’intervista.
«Sono sempre stato socialista».
Il Pdl non è un partito liberale?
«Ci sono anche i socialisti lib-lab, riformisti».
Ma il Pdl è di centrodestra.
«Sbagliato. La maggioranza degli operai vota per noi. Siamo interclassisti, eredi del grande centrosinistra che cambiò l’Italia».
Facendo esplodere il debito pubblico.
«Sbagliato. Quello degenerò negli anni 70, quando il Pci votava le leggi di spesa del consociativismo».
La sua difesa degli speculatori mi fa senso. Hanno causato la crisi attuale, giocando con la finanza senza lavorare né produrre.
«Sbagliato. I cosiddetti speculatori, cioè i gestori dei fondi che tutti adoravamo finché ci facevano guadagnare, lavorano moltissimo: si devono informare per investire nei settori giusti. Sono molto intelligenti e preparati. Solo i tardo-cristiani li disprezzavano».
La crisi ha già buttato in strada il venti per cento dei precari...
(interrompe): «Sbagliato. Nessuno ha dati esatti».
Lei quali ha?
«Io dico che, paradossalmente, questa crisi ha reso più ricchi trenta milioni di italiani. La maggioranza».
E chi sarebbero i fortunati?
«Tutti i lavoratori dipendenti e pensionati con i redditi che salgono automaticamente del quattro per cento, mentre l’inflazione è al due. Il loro potere d’acquisto, dunque, è aumentato».
Nessuno festeggia.
«Perché nessuno investe e spende. Tutti hanno paura, risparmiano. Ma il primo governo che riesce a infondere fiducia ha vinto la sfida. Bisogna sbloccare questa massa di soldi . E’ quel che vogliamo fare con il piano casa».
Altro cemento.
«Non faccia il verde radical chic».
E voi perché non fate parchi?
«L’edilizia è il modo più rapido per rimettere i soldi in circolazione».
Allora costruite metropolitane, cose che servono.
«Sbagliato. Quella è spesa pubblica, aumenterebbe il deficit».
Insomma, la crisi non c’è.
«Non mi faccia dire fesserie. La crisi c’è eccome, con 500 mila posti di lavoro in meno. Soffrono anche gli autonomi, che però reggono meglio se sono stati previdenti nel precedente periodo di vacche grasse».
In Inghilterra i politici si dimettono per poche sterline usate impropriamente, anche senza commettere reati. In Italia invece continuate a scorrazzare in auto blu.
«Demagogia. Mi hanno imposto la scorta 25 anni fa, ne farei volentieri a meno. Nel frattempo hanno ammazzato D’Antona e Biagi. Di caste in Italia ce ne sono tante: magistrati, militari, professori universitari... Anche voi giornalisti».
Ho 50 anni, lavoro da 25 e guadagno 3.500 al mese. Qualsiasi deputato o consigliere regionale ne piglia 12mila.
«E allora perché non va a fare il consigliere regionale?»
Perché non sono una ventenne che conosce Berlusconi.
«La battuta è abbastanza buona. Però la sua collega Bignardi ne prende 600mila dalla Rai. E aspetto sempre di sapere quanto guadagna Gian Antonio Stella, autore del libro La Casta».
Neanche una lira, dallo stato.
«Ma lavora per la Rizzoli, finanziata dallo stato con 24 milioni».
Meno dell’uno per cento del suo fatturato.
«Non importa: chi prende soldi pubblici dia rendiconti pubblici. Trasparenza. Tutti gli stipendi dei miei collaboratori sono on-line».
Voi politici...
«Sbagliato».
Mi faccia almeno finire la domanda.
«Concesso».
Voi politici fate spendere ogni giorno allo stato il quattro per cento in più di quel che incassate con le tasse. Ora che le entrate fiscali sono diminuite del 14 per cento per la crisi, perché non tagliate le spese come tutti?
«E’ sbagliato dire “voi politici” perché noi siamo eletti da voi. Siamo lo specchio del Paese. Se l’Italia spende molto, è perché gli italiani pretendono che spenda molto».
I bilanci in rosso li votate voi politici.
«Con il consenso di tutti. E gli egoismi in Italia sono ben distribuiti in ogni categoria. Non si risana il deficit eliminando le auto blu».
Fatto sta che abbiamo il debito pubblico più alto del mondo: 1.700 miliardi. E ora, con la scusa della crisi, lo state peggiorando.
«Sbagliato: in tempi di crisi sarebbe criminale non risollevare l’economia con politiche di deficit spending. Se tagliamo la spesa corrente moltiplichiamo la depressione».
Lei è proprio un socialista: spendere, spendere...
«E lei è proprio un giornalista. La colgo un po’ impreparato in politica economica. Studi».
Mauro Suttora