Wednesday, March 11, 2009

Rottamare le case

Lezione dagli Usa: ricostruire i palazzi dopo 70 anni

di Mauro Suttora

Libero, martedì 10 marzo 2009

Negli Stati Uniti a settant’anni sono già vecchi. Quindi si buttano giù, si rottamano, e al loro posto se ne costruiscono altri nuovi di zecca in pochi mesi. I palazzi di New York sono affascinanti. Basta stare via da Manhattan per qualche anno, e al ritorno la città è irriconoscibile. Lo skyline della capitale del mondo è in perpetuo cambiamento.

Speriamo che la scossa edilizia annunciata da Berlusconi tolga dal torpore le città italiane, dove invece si conserva maniacalmente tutto, anche le topaie di cent’anni fa senza alcun valore storico: quelle che meriterebbero solo di essere rase al suolo per il benessere dei loro stessi inquilini.

A New York il programma misto pubblico/privato Equity fund, nato vent’anni fa e molto utilizzato dall’ex sindaco Rudy Giuliani per riqualificare zone invivibili del Bronx, ha permesso di rinnovare più di 20mila appartamenti di case popolari degradate. I costruttori ci hanno messo soldi (due miliardi di dollari) e cantieri, in cambio di cospicui tagli di tasse cittadine e statali (qui il federalismo fiscale è una realtà). «Gli inquilini sono stati trasferiti in “case-polmone” per 24 mesi, e al loro ritorno hanno ritrovato un appartamento di eguale metratura completamente nuovo», spiega Kathryn Wylde, presidente della società Housing Partnership.

Ovviamente questo meccanismo funziona dove la proprietà dei singoli appartamenti non è frazionata, e gli inquilini sono in affitto. Ma anche nel caso di molti proprietari in un unico stabile, con un’offerta allettante di può procedere alla rottamazione in tempi rapidi.

Gli americani non hanno pietà. Gli architetti Diller e Scofidio hanno appena finito di ricostruire la Alice Tully Hall, famosa sala concerti del Lincoln Center, nonostante avesse solo cinquant’anni. E sempre in questa zona di New York, che fino agli anni ’50 ospitava i fatiscenti tuguri portoricani in cui Leonard Bernstein ambientò la sua West Side Story, Donald Trump e altri «developers» hanno innalzato negli ultimi anni grattacieli di 60 piani con appartamenti dotati di vista sul fiume Hudson.

Di fronte a casa mia, all’angolo di Broadway con la 93esima Strada, ho visto incredulo sorgere a tempo record un «condo»(minio) di 16 piani dopo la distruzione di un vecchio palazzo di 4 piani. Hanno costruito al ritmo di un piano a settimana.

Mentre a Milano si conservano religiosamente obbrobri urbani come via Padova o viale Monza, e a Roma il Tiburtino o il Prenestino offrono squallore metropolitano, a New York procede senza soste la «gentrification». Che significa rinnovamento e miglioramento di interi isolati, con l’afflusso di inquilini di livello migliore, negozi più belli, ristoranti alla moda, servizi. Così si sono rinnovate l’Upper West Side, Tribeca, Soho, l’East Village e perfino Harlem. L’esatto contrario di quel che avviene in Italia, dove i quartieri lasciati andare poco a poco decadono. I prezzi crollano, arrivano gli immigrati, e così addio Esquilino a Roma, o Sarpi a Milano.

Ora la crisi sta mordendo duro nelle città americane. Manhattan non fa eccezione: sono almeno trenta i cantieri di grattacieli bloccati. Ce l’ha fatta per un pelo il palazzone residenziale al numero 15 di Central Park West, accanto a una delle tante torri Trump, sorto sulle rovine di una costruzione fine Ottocento: i costruttori Zeckendorf hanno venduto tutti gli appartamenti poche settimane prima della crisi. Fra gli acquirenti, l’attore Denzel Washington (ha pagato 12 milioni per 300 metri quadri con vista su Central Park) e il cantante Sting. Non così fortunato il nuovo palazzo di Richard Meier, l’architetto della contestata Ara Pacis a Roma: la sua residenza di lusso a Chelsea, con le vetrate che danno sull’Hudson, è piena solo a metà.

Comunque gli statunitensi non sono dei barbari: se un edificio ha un valore architettonico viene risparmiato. Quindi nessuno ha toccato la Grand Central Station. Il Madison Square Garden, invece, inaugurato nel ’68 con l’incontro di boxe Benvenuti-Griffith, è il quarto della serie. E presto verrà abbattuto, per costruirne un quinto.

Mauro Suttora

5 comments:

lucabagatin.ilcannocchiale.it said...

A dire il vero non condivido.
In questo senso sono profondamente conservatore, nel senso che trovo che una cosa (o una casa) debbano essere buttate solo se obiettivamente consunte.
Aborro il consumismo, ma non ideologicamente, bensì lo trovo sciocco.
Nella mia vita non ho usato mai automobili di età inferiore alla mia e anche come abitazione, per il momento, mi tengo il mio vecchio "bunker".
Non è forse un caso che sono iscritto ad un partito che ha fatto dell'oculatezza della spesa il suo cavallo di battaglia.

mauro suttora said...

sono d'accordo con te (tranne che sulle auto, non mi piacciono quelle d'epoca).

infatti le case di cui ho scritto sono "obiettivamente consunte".
Se l'alternativa e' ristrutturarle, meglio buttarle giù.

Passa per via Padova a Milano e poi dimmi se non mi dai ragione.
Non c'è bisogno di abitare lì, basta passarci per deprimersi

Vai a vedere gli America in concerto a Pordenone?

Quale sarebbe il partito dell'oculatezza della spesa? Il Pdl spreca quanto la sinistra

lucabagatin.ilcannocchiale.it said...

Neanche a me piacciono le auto d'epoca.
Amo i catorci ! Le auto che sanno di vissuto ! ;-)
Per le case, è vero: ristutturarle in molti casi è più costoso che ricostruirle.
Però se non hai i dané per abitare in una casa nuova....non è che ci puoi far nulla.
Pordenone, credimi, è mOOOOlto più triste di Padova e Milano quanto ad abitazioni (e non solo, ma questo è un altro discorso).
Milano poi io la trovo assolutamente stupenda. E' la mia città tipo: cemento al punto giusto, ma compensato da un'ottima rete di trasporti pubblici e poi anche il verde non manca.
Gli America, a dire il vero non li conosco.
Vado solo ai concerti ed agli eventi organizzati da www.teatriassociati.org a dire il vero.
Il partito dell'oculatezza nella spesa è il PRI !!!!
Che è anche il partito dell'amico Palazzolo ;-)

mauro suttora said...

pri la malfa o sbarbati?

lucabagatin.ilcannocchiale.it said...

Dai Mauro, mi prendi in giro ?
Da te non me l'aspettavo proprio.
Il PRI è da sempre uno ed uno solo da sempre.
Anche la Sbarbati sta per rientrare, peraltro, nella casa madre.

PS: noto che leggi raramente il mio blog eh ?
Male, male !
Scommetto che anche la Hataway legge the Bagatin's blog !

PS1: hai seguito il mio suggrimento di intervistare Metis Di Meo ?
No ? Lo supponevo.
E' una stella nascente, ne ho scritto anche un pezzo un mese fa.
Merita. E poi sembra che sia fidanzata con il segretario di Denis Verdini. Indaga !
E di Alicia Witt che mi dici ?