Friday, October 06, 1989

Il centro sociale di Friburgo

Europeo 06 ottobre 1989

Marco di fabbrica

Alternative sociali: i successi economici degli autonomi di Friburgo

Nel ' 78 hanno occupato un edificio industriale. Ma , diversamente dai " ragazzi del Leoncavallo " , prima l' hanno rimesso a posto e poi hanno finito per comprarlo

di Mauro Suttora

Friburgo (Germania Ovest)
Il piu' bel centro sociale d' Europa sta nella citta' tedesca piu' vicina all' Italia : Friburgo , Habsburgerstrasse 9 . Mentre a Milano le autorita' vanno in tilt di fronte al problema del centro Leoncavallo (riquadro nella pagina seguente) , in questa citta' di 300 mila abitanti fra la Foresta Nera e il Reno va avanti da undici anni un esperimento felice di autogestione .

La " Fabrik " e' un edificio di mattoni a tre piani che da' su un cortile interno : una ex fabbrica tessile in periferia occupata nel ' 78 , dopo qualche anno di abbandono , da un gruppo di giovani dell' extrasinistra . E lo stesso periodo di nascita del Leoncavallo , e in Germania Ovest l' atmosfera politica e' simile a quella italiana : da noi le Br , li' la Raf ; in Italia , nel ' 77 , l' esplosione di autonomi e indiani metropolitani , in Germania i " suicidi " di Stammheim . Ma gli " autonomen " dei circoli giovanili tedeschi sono gia' ben lanciati sull' ecologia (le liste verdi nascono in Germania nel ' 79 , sei anni prima che in Italia) , cosicche' l' attivita' principale degli occupanti della Fabrik e' la lotta contro le centrali nucleari di Wyhl e , poco piu' in la' oltre il confine , di Fessenheim in Francia .

Falce , martello e stella rossa presto scompaiono dai muri , rimpiazzati dal sole ridente giallorosso con il noto slogan tradotto in ogni lingua : " Atomkraft ? Nein , danke " (Energia nucleare ? No , grazie) . Nell' 81 , inoltre , con l' arrivo dei missili atomici americani Cruise e Pershing in Germania , si sviluppa anche a Friburgo un forte movimento pacifista , la cui onda lunga non si e' ancor oggi esaurita : gli obiettori di coscienza tedeschi contro il servizio militare sono ben 60 mila all' anno , contro 7 mila in Italia .

Una grande differenza fra i giovani alternativi tedeschi e quelli di casa nostra e' la laboriosita' : la voglia di costruire in concreto , qui e subito , almeno un pezzo di " societa' alternativa " , senza aspettare improbabili rivoluzioni proletarie . Cosi' , mentre all' inizio degli anni Ottanta in Italia molti centri sociali si degradano e cadono a pezzi sotto i colpi piu' che della polizia dell' incuria degli stessi occupanti (anche il Leoncavallo prima dello sgombero di Ferragosto non era sfuggito a questo destino) , la Fabrik di Friburgo viene lentamente rimessa in sesto da abilissimi falegnami e muratori .

Stanza dopo stanza , sala dopo sala , i silenziosi freak tedeschi dai capelli lunghi (il pelo fluente non e ' mai passato di moda da queste parti) restaurano i tre piani dell' ex fabbrica , dentro la quale una decina di loro si stabilisce a tempo pieno , vivendo in una comune (senza pero' grandi scambi sessuali : il massimo della promiscuita' viene raggiunto con il frigorifero collettivo , dove peraltro i piu' individualisti piazzano ciascuno la propria scatola di burro privato , alla faccia di comunismo e anarchia) .

I rapporti con il proprietario del palazzo non sono cattivi : il collettivo d' occupazione si mette d' accordo per pagargli un affitto , che pero' restera' sempre molto basso in cambio delle migliorie effettuate dagli inquilini . Non tutti gli " hausbesetzers " , gli occupanti di case tedeschi , sono cosi' socievoli : a Berlino , Francoforte , Amburgo (e anche a Friburgo , nell' 82 e nell' 87) scoppiano spesso violenti incidenti fra squatter e polizia . Battaglie a colpi di idranti , e a volte ci scappa anche il morto .
Ma gli alternativi della Fabrik friburghese , cosi' come i loro compagni dei centri sociali Ufa Fabrik o Mehringhof a Berlino , Werkhof ad Amburgo e Gewerberhof a Karlsruhe , hanno ormai impiantato molte attivita' economiche nei locali occupati , e ci tengono a stabilizzarsi .

La Fabrik e' oggi un sorprendente microcosmo di socialismo egualitario nel cuore di una delle regioni piu' ricche d' Europa : " Qui dentro lavorano una settantina di persone " , spiega Hans Schmid , 34 anni , uno dei fondatori del centro sociale , " e il nostro stipendio medio e' di 1400 marchi al mese , uguale per tutti " . Non e' un gran vivere , un milione di lire al mese in Germania , dove un operaio della Mercedes puo' guadagnarne quattro . Ma a questi giovani spartani e francescani , che vanno in giro in bici o autostop , va bene .

" Cerchiamo ogni anno di bilanciare le entrate delle attivita' piu' redditizie con quelle che incassano meno " , dice Hans . Molto bene va la falegnameria , impiantata dietro al palazzo , in un capannone a due piani : e' ormai una piccola impresa avviata . Poi , in cantina , ci sono la tipografia e l' officina per la riparazione delle biciclette , che prendono lavoro da tutta Friburgo . Al piano rialzato c' e' l' asilo , per 18 bambini dai tre ai sei anni : ogni madre , a turno , viene una volta ogni tre settimane a preparare il pranzo per tutti .

Il resto dell' edificio , a parte una grande sala per assemblee , feste e spettacoli e i servizi in comune , ospita laboratori per attivita' artigianali di ogni tipo : grafica , serigrafia , ceramica , elettronica . Poi ci sono gli uffici : la redazione del giornale " di movimento " locale dove stanno anche i corrispondenti del Tageszeitung (il Manifesto tedesco) e di Liberation , la federazione di tutti i giardini d' infanzia della citta' , l' ufficio per la solidarieta' al Nicaragua (con gran traffico di materiali , medicine e volontari in partenza per Wiwili , la citta' nicaraguense gemellata con Friburgo) , il club motocicilistico , quello ciclistico , il collettivo antinucleare , la sede degli antimilitaristi , quella degli ecologisti che si battono contro la morte delle foreste , il complesso jazz , le femministe , il forum socialista , Robin Wood (una specie di Greenpeace piu' radicale) , il collettivo contro la criminalizzazione , la lista " per la pace " filocomunista , e quant' altro .

Ogni stanza con la sua moquette o il parquet , il telefono privato con il numero interno diretto , la porta chiusa a chiave o aperta , a seconda degli orari di lavoro indicati con pignoleria in un grande tabellone all' ingresso . Al terzo piano , una porta bianca con su scritto " Wohnung " , appartamento : ci vivono quattro persone . Al primo piano l' ufficio di Hans , col computer per la contabilita' di tutte le cooperative , e una possente cassaforte .

Ma il colpo grosso quelli della Fabrik lo hanno messo a segno nell' 84 : quando , per sventare una speculazione simile a quella che oggi a Milano rischia il Leoncavallo , si sono comprati l' intero edificio . Ci sono riusciti organizzando una maxicolletta di solidarieta' in tutta la regione . Hanno risposto circa 600 persone , che hanno prestato in media un milione e mezzo di lire a testa . Cosi' e' stato raccolto quasi un miliardo di lire . " Un buon affare " , commenta Hans , " adesso questi tremila metri quadri valgono molto di piu " . E gli ex occupanti , diventati padroni , lavorano per rimborsare al tasso del 3 per cento annuo i prestiti dei loro benefattori .

Due anni fa un altro progetto d' avanguardia : un impianto di riscaldamento per tutto lo stabile con riutilizzo del calore e risparmio di energia . Costo : centomila marchi , 70 milioni di lire . " Il Comune ci aveva promesso un contributo di 30 mila marchi , poi ce ne ha dati solo 10 mila " , si lamenta Hans .
Il sindaco socialdemocratico Rolf Boehme (i verdi hanno il 20 per cento a Friburgo , ma stanno all' opposizione) si e' pero' rifatto vivo l' anno scorso con un regalino da 50 milioni di lire : ha coperto il 10 per cento delle spese per aprire , accanto al centro sociale , un bar ristorante gestito dalla Fabrik . Dove naturalmente si sorseggia esclusivamente caffe' importato dal Nicaragua , e dove gli autonomi di Friburgo festeggiano ogni sera , tracannando birra assieme ai molti studenti universitari del quartiere , la propria autonomia realmente conquistata.

Mauro Suttora

1 comment:

Anonymous said...

imparato molto