Thursday, December 20, 2007

La casta non si mette a dieta

Avevano promesso di tagliare gli sprechi. L'hanno fatto?
Dopo tanti annunci, i politici hanno concluso poco. I risparmi rimangono una promessa, i tagli ai superstipendi subiscono troppe eccezioni. Anzi, molte spese crescono

di Mauro Suttora

Oggi, 26 dicembre 2007

Avevano promesso che avrebbero tagliato i costi della «Casta». Invece, facendo un bilancio di fine anno, poco o nulla è cambiato. Anzi, in alcuni casi gli sprechi dei politici sono addirittura aumentati.

«Cosa vuole che le dica? Qui in Parlamento le lobbies hanno sfondato», allarga le braccia sconsolato Massimo Villone, il senatore che due anni fa ha scritto assieme al collega Cesare Salvi (entrambi ex Ds, ora Sinistra democratica) il libro 'Il costo della democrazia', dando il via alla rivolta contro gli eccessi della nomenklatura. «L’unico nostro emendamento accolto in pieno è quello che riduce a dodici i ministri e a sessanta i membri del governo, contro gli attuali 102». Ottima cosa, ma la legge Bassanini da anni imponeva un dimagrimento.

Contro le altre due proposte di Villone e Salvi per la legge finanziaria appena approvata (riduzione spese per Camera, Senato, Quirinale e Corte costituzionale, e tetto ai superstipendi pubblici) si è alzato un fuoco di sbarramento. «Abbiamo ottenuto solo un impegno», spiega Villone, «da parte di Presidenza della Repubblica e Corte costituzionale a non aumentare le spese oltre l’inflazione programmata».

Il Quirinale però quest’anno ha speso 241 milioni di euro contro i 224 preventivati. Già quella cifra, sbertucciata nel libro 'La casta' di Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella, aveva suscitato indignazione: è il quadruplo di Buckingham Palace. Ma i duemila dipendenti hanno avuto aumenti perché i loro stipendi sono collegati a quelli del Senato. E anche per i prossimi tre anni sono previsti incrementi di oltre il due per cento.

Stesso discorso per la Camera dei deputati: quest’anno ci è costata un miliardo e 200 milioni di euro, il 2,4% in più del 2006. I rimborsi ai deputati, rivela il radicale Sergio D’Elia, sono addirittura raddoppiati rispetto all’anno scorso: 300 mila euro contro 185 mila. Le spese di viaggio degli onorevoli sono aumentate del 25%. Ma anche gli ex hanno diritto a sconti per tutta la vita, e quest’anno sono ammontati a un milione e 250 mila euro.

Unica sforbiciata: le pensioni dei parlamentari. Ora ci vorranno almeno due legislature per ottenerle. Ma anche qui c’è il trucco: solo quelle future. Chi è andato già in pensione può stare tranquillo, anche i deputati rimasti in carica solo un giorno che pigliano duemila euro al mese.

L’ultimo emendamento Salvi-Villone stabiliva un tetto di 274 mila euro per tutti gli stipendi pubblici. «È il compenso annuo del primo presidente di Corte di Cassazione», spiega Villone, «e viste le retribuzioni da fame di insegnanti e poliziotti ci pareva il minimo per ristabilire un po’ di equità». Più di diecimila euro netti al mese non sembra effettivamente poco, neppure per i dirigenti più alti.

Eppure, anche qui la Casta si è scatenata. Prima hanno imposto che il tetto non si applichi ai contratti di tipo privatistico già in essere. Poi sono stati esentati gli «artisti» Rai, con la scusa che altrimenti fuggirebbero tutti a Mediaset. Poi hanno ottenuto la grazia la Banca d’Italia e le «authorities» (antitust, comunicazioni, privacy, energia, ecc), proliferate negli ultimi anni al di là di ogni necessità, che assicurano ai fortunati assunti stipendi tripli rispetto a quelli dei poveri ministeriali.

Ancora: per proteggere proprio tutti, il governo ha ottenuto 25 «eccezioni» da applicare agli stipendi scandalosamente alti (alcuni esempi nella tabella nella pagina accanto). Così si potranno mantenere vistose incongruenze, come la retribuzione doppia del capo della Polizia (650 mila euro annui) rispetto al comandante dei Carabinieri (380 mila euro), nonostante le uguali responsabilità.

Infine, chi cumula vari incarichi (abitudine diffusissima nella Casta parastatale romana) vedrà la sua attuale retribuzione ridursi soltanto del 25 per cento annuo, fino a rientrare nel «tetto».

Ma il malcostume degli stipendi d’oro non è una prerogativa di Roma: l’avviso di garanzia e la richiesta di rimborso della Corte dei Conti arrivati al sindaco di Milano Letizia Moratti per le retribuzioni da 250 mila euro e oltre distribuiti ai propri dirigenti e consulenti dimostra che in tutta Italia ci si arricchisce a spese dei contribuenti.

Comunità montane e province si sono salvate, eppure molti le considerano enti inutili. Verranno solo tagliati un po’ di consiglieri, ma dal 2010. È sparito il limite altimetrico di 500 metri per essere considerati comuni di montagna: così rientrano Domodossola, Susa, Lanzo, Feltre, Vallombrosa.

Quanto alle Regioni, «il loro diritto allo spreco è costituzionalmente garantito», ironizza Villone: governo e Parlamento non possono toccarle, è ciascuna di loro a dover diminuire spese e posti. Campa cavallo. E anche per il taglio dei 950 parlamentari (gli Usa, con il quintuplo dei nostri abitanti, ne hanno 535) occorre una legge costituzionale, con tempi lunghissimi.

«Ormai, fra stipendiati e consulenti, in Italia campa di politica mezzo milione di persone», denuncia Villone. I consiglieri comunali strepitano contro l’intenzione di ridurre i loro stipendi mensili da 2.000 a 1.500 euro: «Perché non tagliate prima quelli dei consiglieri regionali, che arrivano a 14 mila euro?».
Dimenticano che fino a quindici anni fa quella di consigliere comunale non era una professione, ma un onore (e un onere) civico, che si espletava per una o due sere alla settimana in cambio di un semplice gettone di presenza da 50 mila lire. E le nostre città non erano governate peggio.

Insomma, dopo tanti annunci sui tagli agli sprechi, di concreto è stato fatto poco. Del disegno di legge Santagata si sono perse le tracce. Il decreto Lanzillotta limita a tre i consiglieri d’amministrazione nelle società a partecipazione pubblica. Ma anche qui una vasta esenzione: le società con più di due milioni di capitale possono averne cinque.

Sarà forse per questo che ora Beppe Grillo raccoglie un 57 per cento di simpatie, contro il 49% per Fini, il 48 per Veltroni, il 39 per Berlusconi e appena il 29 per Prodi. E che il libro La casta continua a vendere: ormai ha raggiunto un milione e 200 mila copie. Nessun saggio in Italia, neanche quelli di Oriana Fallaci o dei papi, ha mai ottenuto tanto successo in così poco tempo. Ora si è aggiunto anche 'Sprecopoli' di Mario Cervi e Nicola Porro. Ma i politici di professione sembrano non essersi ancora accorti che il vento è cambiato.

Mauro Suttora

15 comments:

Auntie Sam said...

buon natale mauroooo!!!

vai al nord o mangi il panettone a roma? io lo mangio qui a pittsburgh quest'anno. e ho pure trovato il bauli farcito al cioccolato!

un bacione!
http://www.youtube.com/watch?v=s8jw-ifqwkM

PS: dimmi, qui ti voglio onesto: meglio nel complesso la hunziker o la mezzogiorno?

PS2: niente articoli sul dalai lama lately... eppure io che contavo tanto su di te... ahi ahi ahi!

Miss Welby said...

auguri anche da parte mia!

mauro suttora said...

"meglio la hunziker o la mezzogiorno?"

ho intervistato entrambe solo per telefono, quindi non sono in grado di esprimere preferenze. Ovviamente per una cena assieme sceglierei la Mezzogiorno, perche' potremmo (continuare a) parlare di libri.

Pero' la Hunziker mi sembra simpatica, e comunque una che si e' data ai maghi per anni e' comunque un soggetto interessante, o almeno stuzzicante

buon anno a tutti, ormai, e grazie per l'attenzione.

Quanto hai pagato il bauli a pittsburgh, sammie? io a ny mi arrabbio molto vedendo gli incredibili prezzi imposti dagli importatori Usa... quindi porto pandori e panettoni con me in aereo dall'Italia, anche se penso sia proibito

Gruppo A said...
This comment has been removed by the author.
lucabagatin.ilcannocchiale.it said...

UN BUON 2008 di rinnovati successi (non solo con Cairo Editore)

miss W said...

questa m'era sfuggita:
http://www.libmagazine.eu/cms/index.php?option=com_content&task=view&id=282
non l'hai segnalata per modestia?

notevole pero', hai davvero un ben strano mix di opinioni... antimilitarista di destra... (e perché no?)... anti- e filo-americano al tempo stesso... radicale ma il contrario di Pannella... originale!

miss w said...

ah, ecco, c'era anche qui, del 27 novembre.

certo pero' che anche tu non metti niente nel blog per settimane e poi riversi d'improvviso una montagna di articoli... e allora uno se li perde...

vabbe', lo so, faccio anch'io così, non posso permettermi di criticare...

Gruppo A said...
This comment has been removed by the author.
mauro suttora said...

gruppo a, chi sei?

Auntie Sam said...

bauli farcito 15 verdoni, panettone classico da 1kg. 12.99$, 500gr 6.99$.
mi dicevano prezzi simili a quelli in italia, considerando euro impossibile.

bacioni, buon anno!

Gruppo A said...
This comment has been removed by the author.
ninest123 said...

louis vuitton, longchamp pas cher, oakley sunglasses, louboutin outlet, replica watches, oakley sunglasses, louis vuitton, nike free, louis vuitton, ugg boots, oakley sunglasses, ray ban sunglasses, longchamp, ray ban sunglasses, cheap oakley sunglasses, kate spade outlet, prada outlet, polo ralph lauren outlet, louis vuitton outlet, longchamp outlet, replica watches, louboutin, christian louboutin outlet, air max, gucci outlet, air jordan pas cher, nike roshe run, oakley sunglasses, tory burch outlet, ralph lauren pas cher, nike air max, jordan shoes, nike air max, louis vuitton outlet, polo ralph lauren outlet, prada handbags, michael kors, uggs on sale, chanel handbags, louboutin shoes, ray ban sunglasses, nike outlet, longchamp outlet, tiffany jewelry, nike free, louboutin pas cher, sac longchamp, ugg boots, tiffany and co, burberry

ninest123 said...

kate spade handbags, tn pas cher, lacoste pas cher, michael kors outlet, michael kors, michael kors, timberland, vanessa bruno, michael kors outlet, true religion jeans, coach outlet, true religion jeans, oakley pas cher, burberry outlet online, nike roshe, michael kors outlet, nike air max, true religion jeans, coach outlet, new balance pas cher, nike free run uk, north face, michael kors outlet, sac guess, north face, nike air max, michael kors, lululemon, coach purses, michael kors, hogan, burberry, mulberry, nike air max, hollister, converse pas cher, abercrombie and fitch, vans pas cher, michael kors outlet, replica handbags, ray ban uk, ralph lauren uk, true religion outlet, ugg boots, ray ban pas cher, nike blazer, ugg boots, hermes, hollister pas cher, air force

ninest123 said...

reebok shoes, hollister, soccer shoes, ralph lauren, gucci, babyliss, lululemon, herve leger, louboutin, birkin bag, lancel, jimmy choo shoes, nike huarache, bottega veneta, soccer jerseys, vans shoes, hollister, baseball bats, new balance, ghd, iphone cases, nike air max, giuseppe zanotti, chi flat iron, north face outlet, vans, ray ban, timberland boots, p90x workout, abercrombie and fitch, insanity workout, ferragamo shoes, wedding dresses, nike roshe, hollister, asics running shoes, longchamp, celine handbags, instyler, oakley, nfl jerseys, mcm handbags, converse outlet, beats by dre, mont blanc, valentino shoes, nike trainers, mac cosmetics, north face outlet, nike air max

ninest123 said...

ugg,uggs,uggs canada, wedding dresses, louis vuitton, pandora charms, pandora jewelry, louis vuitton, marc jacobs, moncler outlet, moncler, canada goose, supra shoes, canada goose uk, moncler, links of london, moncler, karen millen, moncler, toms shoes, pandora jewelry, doudoune canada goose, replica watches, moncler, juicy couture outlet, moncler, swarovski crystal, canada goose, pandora charms, juicy couture outlet, canada goose, coach outlet, bottes ugg, louis vuitton, ugg,ugg australia,ugg italia, thomas sabo, swarovski, canada goose outlet, montre pas cher, louis vuitton, ugg boots uk, canada goose, hollister, canada goose outlet, sac louis vuitton pas cher, moncler, ugg pas cher