Wednesday, June 14, 2006

11 settembre: la fantaverità

New York (Stati Uniti)

Sulle Torri gemelle l'ombra del sospetto

«Crollarono perché qualcuno le aveva minate», sostengono i teorici del complotto riuniti in convegno a Chicago. Ecco tutto ciò che non quadra nella versione ufficiale dell’attacco agli Stati Uniti. E che lascia incredulo un americano su tre

Oggi, 14 giugno 2006

di Mauro Suttora

La Cia sapeva. Un anno prima che i quattro aerei dei terroristi islamici si schiantassero sulle Torri Gemelle e sul Pentagono l’11 settembre 2001, provocando tremila morti, una squadra speciale dei servizi segreti militari Usa aveva già individuato Mohamed Atta, capo del commando.

Si chiamava «Able Danger» (Pericolo possibile), quella squadra, ed era stata creata nel 1999 proprio per combattere il terrorismo internazionale e in particolare Al Qaeda, la rete di Osama Bin Laden. Perché non lo fermarono?

Di questo e di molti altri misteri si è parlato lo scorso fine settimana a Chicago, durante un congresso dell’associazione «9/11: Revealing the Truth» («11 settembre: Rivelare la verità»), che ha denunciato tutte le contraddizioni che avvolgono la strage. «Ci sono ancora un sacco di aspetti poco chiari sul crollo delle Torri a New York, sull’aereo che avrebbe colpito il Pentagono, e su quello che secondo le versioni ufficiali sarebbe stato fatto cadere dagli stessi viaggiatori, opponendosi ai terroristi che volevano farlo schiantare sulla Casa Bianca», dice Janice Matthews, direttrice dell’organizzazione.

Molti liquidano i sostenitori della «teoria del complotto» come visionari. Ma ben 70 milioni di americani, secondo i sondaggi, non credono al governo e ritengono impossibile che 19 terroristi abbiano potuto circolare impunemente per anni negli Usa.
Curt Weldon, per esempio, è il contrario di un pacifista: 58 anni, da ben venti deputato repubblicano per la Pennsylvania (stesso partito del presidente George Bush junior), vicepresidente della commissione Forze armate.
Nell’estate 2005 Weldon ha lanciato un’accusa gravissima: «L’unità Able Danger aveva identificato Atta e tre complici. Non solo l’allarme cadde nel vuoto, perchè la Cia era gelosa e non voleva invasioni di campo da parte di un’altra agenzia spionistica, ma la squadra venne sciolta nel 2000».

Le accuse di Weldon sono confermate dall’ex direttore dell’Fbi Louis Freeh, dal colonnello decorato che dirigeva la squadra segreta e da quattro suoi colleghi. La traduttrice dell’Fbi Sibel Edmonds, 33 anni, aggiunge: «Ho visto con i miei occhi documenti che dettagliavano attacchi di quel tipo, contro città con grattacieli». Ma il Congresso, nonostante le firme di 235 deputati, non ha mai aperto un’inchiesta sul perchè la Cia insabbiò la preziosa segnalazione.

Il Pentagono, dopo aver sostenuto per mesi che tutta la documentazione sull’attività di Able Danger era stata distrutta, tre settimane fa ha ammesso che esistono 9.500 pagine di documenti che riguardano la squadra. Ha negato però che contengano riferimenti scritti ad Atta. In ogni caso rifiuta di rendere pubbliche le pagine, e impedisce ai propri dirigenti di affrontare l’argomento sotto giuramento davanti al Congresso.

Gli scettici non capiscono come i terroristi abbiano potuto frequentare scuole di volo americane senza essere notati, e chiedono altre indagini sul fallimento delle ben quindici agenzie di spionaggio americano, che nonostante costino ai contribuenti una trentina di miliardi di dollari annui (perfino la cifra totale è segreta), sembrano passare la maggior parte del loro tempo a farsi la guerra fra loro, e non sono riuscite a localizzare né Osama Bin Laden, né il suo vice Al Zawahiri, né il capo dei talebani afgani mullah Omar.

D’altra parte, è da 43 anni che dura il mistero sull’assassinio del presidente John Kennedy. E certo non aiuta a stabilire la verità il comportamento di Cia e Pentagono, che a quasi cinque anni dall’avvenimento oppongono ancora il segreto a una completa ricostruzione dei fatti. «Se rivelassimo certi particolari danneggeremmo la lotta al terrorismo», sostengono le gerarchie militari. Ma quando lo fanno, a volte peggiorano le cose. Come con la recente pubblicazione di alcuni fermo-immagine dell’aereo che si abbatté sul palazzo del Pentagono, quartier generale delle forze armate statunitensi a Washington (che per ironia della sorte venne inaugurato l’11 settembre 1941, esattamente sessant’anni prima dell’attacco).

«L’Fbi tiene sotto sequestro ben 85 videotape dell’attacco al Pentagono», hanno commentato gli scettici a Chicago, «ma ci permette di vedere solo poche e confuse inquadrature di un qualcosa che forse è un aereo, incredibilmente in volo per quasi un chilometro rasoterra, con manovra degna più di un pilota acrobatico che di un terrorista arabo apprendista pilota. Ma potrebbe essere un missile, anche perché un tecnico della Rolls Royce non ha riconosciuto fra i resti quelli del motore abitualmente montato sui Boeing 757. Mostrateci piuttosto le immagini provenienti dalle telecamere del vicino hotel Sheraton, del benzinaio Citgo o del ministero dei Trasporti della Virginia, che presumibilmente sono più chiare».
«Il video del Pentagono non chiarifica nulla, non si vede un aereo in quelle immagini», conferma Michael Berger, portavoce di 911Truth.org.

Fra gli scettici ci sono, comprensibilmente, parecchi familiari delle tremila vittime. E anche dei trecento fra poliziotti e pompieri newyorkesi che si sarebbero salvati se le Torri non fossero cadute. Ed è proprio questo uno dei punti controversi: alcune foto mostrano infatti delle piccole esplosioni avvenire poche secondi prima del crollo, come se nella struttura ci fossero state delle cariche esplosive. Che potrebbero essere benissimo degli scoppi provocati dall’incendio: ma anche in questo caso occorrerebbe più trasparenza da parte delle autorità.

«È impossibile che le strutture di acciaio delle Torri gemelle si siano sciolte per l’incendio», accusa Kevin Ryan, chimico di professione e dirigente della società che ne certificò la solidità. Ed è strano anche che le Torri siano crollate su se stesse, come accade appunto quando si vuole abbattere un edificio sotto controllo, piazzando esplosivi in punti determinati.

Molte altre risposte non sono state date. Eccone alcune.

1) L’antrace: chi mise la micidiale polverina su alcune lettere spedite per posta, ammazzando cinque persone e spargendo terrore per settimane in tutti gli Stati Uniti?

2) Condoleezza Rice: che cosa ha veramente scritto nel suo memorandum su Al Qaeda del 6 agosto 2001 al presidente? Bush non ha mai voluto rivelarne il testo.

3) Perché il ministro della Giustizia John Ashcroft e alcuni dirigenti del Pentagono cancellarono i loro viaggi su voli di linea, prendendo aerei privati nei giorni precedenti l’attacco? Era circolato un allarme?

4) Come mai la potentissima difesa aerea americana, allenata da decenni a intercettare immediatamente il più piccolo aereo sospetto, ci mise 25 minuti per capire che un aereo era stato dirottato e si stava dirigendo su New York? Perché non fece nulla per 47 minuti contro l’aereo che colpì il Pentagono? E come mai nessuno è stato punito per l’inefficienza più grave dai tempi di Pearl Harbor?

5) Viceversa, perché non ipotizzare che il volo 93, caduto in Pennsylvania, sia stato abbattuto da caccia militari? Sarebbe stata un’azione agghiacciante ma necessaria, visto che i terroristi lo stavano dirigendo verso la Casa Bianca. Ora anche un film (che presto arriverà sugli schermi italiani) prende automaticamente per buona la tesi ufficiale di un’eroica resistenza da parte dei passeggeri, che avrebbe causato la caduta.

6) Dove sono finite le quattro scatole nere «indistruttibili» dei due aerei delle Torri Gemelle?

7) Perché il ministro della Difesa Donald Rumsfeld cercò subito di incolpare dell’attacco Saddam Hussein? Aveva bisogno di un casus belli? Nel 2000 un centro studi neocon (servatore) aveva profetizzato testualmente che per far accettare agli americani un aumento delle spese militari c’era bisogno di «un evento catastrofico e catalizzante, come una nuova Pearl Harbor».

I sostenitori della teoria del complotto non arrivano ad accusare Bush di avere provocato deliberatamente l’11 settembre, nè di aver chiuso un occhio. Però constatano che le spese militari Usa, che erano di 300 miliardi di dollari annui nel 2001, oggi superano l’astronomica cifra di 500 miliardi.
Esattamente come Bush aveva promesso ai suoi finanziatori delle industrie di armamenti e ai generali in campagna elettorale. «In questo senso, purtroppo, l’11 settembre è stato come il cacio sui maccheroni», commenta il professore universitario Chalmers Johnson, autore del libro 'Le Lacrime dell’Impero', tradotto in Italia l’anno scorso da Garzanti.

Mauro Suttora

12 comments:

Piano B said...

Da collega, ti chiedo: come diavolo hai fatto a far ingoiare quell'articolo al direttore?

Ora, un ultimo sforzo: un bel pezzo sul Foglio! :D

(Collega col morbo)

Fabio said...

Complimenti Mauro, uno dei pochi Giornalisti italiani che parla dei fatti (avevo sinceramente il dubbio che non ne fossero rimasti in Italia)...continua così

Fabio De Rossi

Sandokan said...

Grazie per aver pubblicato questo articolo
Ciao

Corrado said...

Stimato Suttora

Un infinito grazie per un articolo che molte persone si aspettavano di leggere da anni.
Purtroppo faccio parte di quella parte di mondo che viene definita "complottista" perchè gli stessi dubbi (e molti altri a seguire che sono emersi dopo aver cominciato questa ricerca sull'11/09) espressi nell'articolo e blog sono i dubbi di molte persone , oltre che dei parenti delle vittimi.
Ora non mi dilungo su quante altre cose si potrebbero aggiungere che discordano dalla "versione ufficiale" essendo già troppo felice che un'altro giornalista italiano si sia interessato alla cosa ( ed essendo anche riuscito a farla digerire al direttore come si dice sopra) e l'abbia pubblicata su un giornale con la tiratura di oggi.

Ancora grazie

Saluti

Jimbo72

PS Volendo c'è anche un sito pluricitato nelle varie puntate di Matrix che si interessa dell'11/09 ma non mi sembra il caso di fare ulteriore pubblicità.

Natasha said...

Non potevo che unirmi alle voci di ringraziamento... speriamo che i coraggiosi che sanno far ingoiare certi articoli diventino numerosi... sempre più numerosi...

Pat said...

Mi complimento per l'articolo.
grazie

Dreknasbicu said...

Egregio Mauro Suttora,
che sollievo!
Ho un handicap: una laurea in ingegneria meccanica. Capisci che con questo "handicap" addosso non posso, proprio non posso, anche se me ne verrebbe bene, credere che tre strutture in acciaio possano crollare per effetto di brevi incendi da cherosene, e tutte e tre nell'arco della giornata e tutte e tre nello stesso posto e nello stesso modo: improvvisamente, su se stesse, a tempi da casutta libera.
Un "miracolo" ancora ancora, ma tre di seguito è voler prendere in giro la gente.
Mi sono chiesto come poteva essere possibile che in un paese così all'avanguardia nella tecnica, che pure è riuscito a mandare un uomo sulla luna, nessuno avesse fatto aaso a una simile incongruenza?
E meno male che ce n'è più d'uno e si riuniscono a Chicago. Non siamo mica nel terzo mondo.
Poi vengo a sapere che di incongruenze ve ne sono anche altre, ma quella di quei crolli delle strutture metalliche, impossibili che non con gli esplosvi, mi basta già e pure me ne avanza.

Andrea said...

Attenzione, hai contratto una malattia molto contagiosa nota con il nome "morbo di Ashcroft", consigliamo una terapia a base di letture continue del 911 commission report e dei discorsi di Bush e Cheney. Sei ancora in tempo per guarire. A parte gli scherzi, BRAVO!!!

mauro suttora said...

grazie, non pensavo ci fossero cosi' tanti scettici sull'11 settembre.

Per quanto mi riguarda, la mia opinione personalisssima (che non vale nulla) e' quella del "cacio sui maccheroni". Piu' in la' per ora non riesco ad andare. Ma e' gia' molto rispetto al senso comune.

Sono stupefatto non dall'ammontare astronomico delle spese militari Usa, ma dal fatto che quasi nessuno sembri contestarle. Mi sembra uno spreco immenso. Ma sicuramente mi sbagliero' io...

ps: veramente e' stato il direttore di Oggi, Pino Belleri, a propormi di scrivere l'articolo, dopo aver visto Matrix di Mentana

Londradical said...

apprendo che Mauro avrebbe scritto anche un articolo sul caso Hamer, sempre su Oggi, nel contesto di un servizio sul caso Savoia. non vedo l'ora di leggerlo: Mauro sta trasformando una testata con la fama di settimanale da parrucchiera. complimenti anche al suo direttore per lasciarlo fare

mauro suttora said...

forse piu' interessante il mio ritratto della nuova fidanzata del fratello di Berlusconi, sempre su Oggi di questa settimana (che non posso inserire finche' e' in edicola, regole Rizzoli).
Cos'hai contro le parrucchiere?

Londradical said...

PARRUCCHIERE E PSICOTERAPISTE

Uno studio scientifico dell'università di Lund (Svezia) si è posto l'obiettivo di stabilire se lavorare come parrucchiera abbia un impatto negativo sulla fertilità, comparandola con quella della popolazione femminile in generale, per scoprire che è decisamente inferiore (tasso del solo 0.91) e ha concluso: "The present study indicates a negative impact on time to pregnancy and miscarriage risk for working as a hairdresser". LINK

Altri studi americani su donne in trattamento IVF hanno comparato il tasso di fertilità di quelle in gruppi di psicoterapia e quelle no, rilevando un miglioramento del tasso di fertilità del 55% per le prime e solo il 20% per le altre. LINK

Questo per dire che - in quanto sostenitore dell'associazione RientroDolce per un ritorno a tre miliardi di individui sul pianeta -, nell'apprendere questo simpatizzo nettamente con le parrucchiere, scusandomi con la loro categoria rispetto a quella delle psicoterapiste, molto più dannosa all'equilibrio demografico del pianeta. Quindi mi correggo: non soltanto per la coraggiosa nuova linea editoriale, quanto semplicemente per il numero di parrucchiere in calo e psicoterapiste in aumento, il periodico in oggetto si può già da Oggi definire ufficialmente un settimanale da psicoterapiste...

(1. continua, forse, altrove: qui è off topic)